Search

Allergia alle punture di api

Il veleno d'api è una delle medicine naturali più preziose. È usato in vari campi della medicina popolare e ufficiale. Ma per un numero abbastanza grande di persone, provoca allergie, che sono particolarmente pronunciate quando un'ape si punge.

Cause di allergia all'ape pungere

Quindi, l'allergene principale che entra nel corpo umano quando viene morso (o meglio, quando è punto) un'ape è veleno d'api. Oltre ai componenti tossici, contiene un'ampia varietà di composti proteici e altre sostanze biologicamente attive, molte delle quali sono forti allergeni.

Nelle persone che non sono allergiche al veleno delle api, il corpo affronta la sua dose, ottenuta da un singolo morso di ape, per diverse decine di minuti. In questo caso, si verificano solo reazioni locali: dolore, bruciore, gonfiore, arrossamento al sito del morso. Con più morsi (diverse decine), si verifica l'intossicazione generale del corpo, manifestata da nausea, brividi e mal di testa.

Se sei allergico al veleno delle api, le conseguenze di un singolo morso sono molto più gravi.

I sintomi dell'ape pungere allergia

Una reazione allergica quando si punge un'ape può svilupparsi sia nel tipo immediato che in quello ritardato. Può essere limitato ai sintomi locali, ma nella maggior parte dei casi, ci sono anche manifestazioni sistemiche di varia gravità. Ciò è spiegato dal fatto che quando viene preso un morso, l'ape inietta veleno in profondità sotto la pelle, e quasi immediatamente entra nel flusso sanguigno, quasi senza indugiare nel tessuto sottocutaneo nella sede del morso.

Sintomi locali di allergia alle api:

  • dolore acuto al sito morso;
  • prurito e bruciore;
  • arrossamento e gonfiore;
  • eruzione simile a un alveare.

Manifestazioni sistemiche

Per le allergie lievi:

  • prurito dappertutto;
  • gonfiore della pelle e delle mucose, angioedema;
  • brividi, febbre, letargia o, al contrario, eccitazione eccessiva sono possibili.

Con moderata gravità, oltre alla caratteristica dei sintomi di grado lieve, si verificano spesso:

  • gonfiore degli organi interni mucosi;
  • spasmi muscolari;
  • aritmia cardiaca;
  • abbassando la pressione sanguigna.

Quando una grave reazione allergica può sviluppare insufficienza cardiaca acuta, danno al sistema nervoso, shock anafilattico.

Trattamento di allergia da pungiglione ape

Se sei punto da un'ape, prima di tutto, il prima possibile, devi rimuovere la puntura che l'ape lascia sempre nella pelle. Ciò è necessario per impedire un'ulteriore penetrazione di veleno nel corpo: anche dopo la morte di un insetto, il veleno della puntura continua a essere rilasciato.

Allora hai bisogno di:

  • trattare il sito morso con qualsiasi antisettico (iodio, verde brillante, perossido di idrogeno, è possibile anche l'alcol o la vodka);
  • applicare freddo al sito del morso per rallentare l'assorbimento di veleno nel sangue (per mantenere 4-6 ore, cambiando come riscaldamento);
  • quando si morde un braccio o una gamba, applicare un laccio emostatico sopra il sito del morso (può essere tenuto per non più di 2 ore);
  • prendere qualsiasi antistaminico, preferibilmente un fast-acting (suprastin, tavegil).

Al minimo segno di una reazione sistemica (vedi i sintomi un po 'più alti), o se hai già sperimentato un'allergia alla puntura d'ape o ai prodotti dell'apicoltura, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza. È necessario chiamare un'ambulanza in caso di morsi multipli (più di 10 negli adulti, 3 nei bambini), anche se non si è allergici alla puntura d'ape.

L'assistenza medica di solito consiste nelle seguenti attività:

  • Blocco novocainico del sito morso;
  • cloruro di calcio per via endovenosa;
  • somministrazione intramuscolare di antistaminici e, se necessario, di farmaci corticosteroidi e preparati per mantenere il normale funzionamento del cuore;
  • la nomina di antistaminici per ulteriori trattamenti.

In presenza di reazioni sistemiche, anche il più leggero, è necessario il ricovero in ospedale.

Prevenzione dell'allergia alle punture di api

Il modo principale per prevenire questo tipo di allergia, per quanto banale possa sembrare, è evitare le punture di api. E per renderlo molto più facile di quanto sembri a prima vista. Ricorda: un'ape, al contrario degli insetti succhiatori di sangue, punge solo quando ritiene che la sua casa sia in pericolo. E così:

  • stare lontano da alveari, nidi di api selvatiche;
  • in nessun caso non cercare di scacciare l'ape, agitando le braccia, anche se vola proprio davanti al tuo naso;
  • non camminare a piedi nudi attraverso prati fioriti e prati, in modo da non calpestare il fiore dal quale l'ape raccoglie il nettare;
  • indossa la natura, indossa i vestiti più chiusi e, naturalmente, un copricapo (berretto, panama, fazzoletto): molto spesso le api pungono nella testa, impigliate nei capelli;
  • Ricorda che le api sono attratte dall'odore di profumo (soprattutto dolce, floreale), alcolico, aromatico, cibo dolce. Pertanto, prestare particolare attenzione quando si organizza un picnic in natura.

Se sei incline a qualsiasi reazione allergica, vai in natura, assicurati di portare con te un kit di primo soccorso, che dovrebbe avere tutto il necessario per il primo soccorso quando una puntura d'ape. Parlate con il vostro medico di quali farmaci dovreste portare sempre con voi e come usarli correttamente in caso di emergenza.

Se è allergico al veleno delle api almeno una volta manifestato in lei in una gravità grave o moderata, deve sottoporsi anticipatamente a un ciclo di immunoterapia specifica degli allergeni (in inverno o all'inizio della primavera).

La pagina è stata utile? Condividilo nel tuo social network preferito!

Allergia alle punture di api

Allergia alle punture di api

La puntura di ape è una fonte abbastanza comune di reazioni allergiche. A seconda del grado di sviluppo delle allergie, gli effetti delle punture di api possono essere piuttosto pericolosi per la salute. Secondo le statistiche, circa il 10% della popolazione mondiale soffre di reazioni allergiche di una natura o di un'altra, e per quanto riguarda l'allergia a una puntura d'ape, rappresenta l'1,5% di tutte le reazioni allergiche. I bambini sono particolarmente sensibili alle punture di api e, di conseguenza, hanno maggiori probabilità di essere allergici alle punture di api e più gravi.

Cos'è un'allergia all'ape?

L'allergia agli insetti (come nel linguaggio medico è chiamata allergia al morso di insetti) è una condizione dolorosa che si verifica dopo il contatto con un'ape o dopo il suo morso. Condizionalmente, si possono distinguere i seguenti tipi di allergie agli insetti:

  • Allergia agli insetti locali
  • Allergia agli insetti sistemici
  • Allergia ai primi insetti
  • Allergia tardiva agli insetti

Associata alla comparsa di una reazione allergica alla penetrazione del veleno d'api nel sangue. Il veleno d'api è una sostanza piuttosto tossica, contiene un gran numero di componenti biologicamente attivi:

Il veleno d'api penetra nel sangue di una persona alla velocità della luce, immediatamente dopo la puntura d'ape. Inoltre, la puntura d'ape, che dopo un morso rimane nella pelle, contiene molte sostanze che provocano allergia. Una reazione allergica può svilupparsi immediatamente ed essere abbastanza seria, causando angioedema, shock anafilattico e, in caso di mancata fornitura di cure mediche specialistiche, la morte è possibile.

Allergia alla puntura delle api: sintomi.

I sintomi dipendono completamente dalla gravità dell'allergia.

Il risultato di allergia locale agli insetti è un forte dolore al sito del morso, la formazione di un piccolo edema con un foro ben visibile in cui si trova la puntura d'ape.

Nelle allergie sistemiche agli insetti, oltre alle manifestazioni locali, si sviluppano sintomi comuni:

  • tosse;
  • lacrimazione;
  • Rinite allergica;
  • ipertermia;
  • brividi;
  • Forte prurito;
  • Iperemia della pelle con l'aspetto di un'orticaria di tipo avventato;
  • Caduta della pressione sanguigna, polso filamentoso;
  • Gonfiore rapido del viso e del collo, che causa difficoltà respiratorie e asfissia;
  • Mal di testa, stupore, delirio;
  • Convulsioni convulsive.

Come puoi vedere, la situazione può essere molto pericolosa per la vita. Molto dipende dal numero di morsi e dal luogo della loro localizzazione. Naturalmente, le punture di api singole sono meno pericolose e quelle multiple possono causare una reazione patologica anche in una persona che non è incline alle allergie. È stato scientificamente provato che se una persona viene contemporaneamente punto da 200 a 350 api, la quantità di veleno d'api che entra nel corpo porterà alla morte anche di una persona sana.

Ora sulle categorie della popolazione che sono più suscettibili alle reazioni allergiche a una puntura d'ape. Questi sono bambini piccoli, donne e anziani. I sintomi di una reazione allergica in tutte le categorie di età si sviluppano allo stesso modo.

Un'alta probabilità di una reazione allergica generalizzata ai morsi, localizzata sugli arti superiori, sul viso, sul collo, sui morsi nella lingua è molto pericolosa. L'allergia è raramente causata da morsi alla schiena, al torace e agli arti inferiori.

Allergia alla puntura d'ape: trattamento.

Il trattamento delle allergie da pungiglione d'api riguarda principalmente la fornitura di cure di emergenza.

Cosa puoi fare:

  1. Chiama un'ambulanza.
  2. Prova a rimuovere la puntura d'ape. Questo può essere fatto con l'aiuto di pinzette sottili, osservando tutte le regole degli antisettici. Il pungiglione deve essere rimosso completamente, poiché contiene istamina, il colpevole di tutte le reazioni allergiche.
  3. Dopo aver rimosso il pungiglione, trattare con alcool la pelle del sito del morso e applicare qualcosa di freddo. Si consiglia di mantenere il freddo al posto del morso per un massimo di 4 ore.
  4. Dai al bambino o all'adulto un antistaminico presente nell'armadietto dei medicinali - pipolfen, suprastin, tavegil. A livello locale, è possibile lubrificare il sito morso con un unguento di corticosteroidi (unguento prednisone, loriden)

Cosa faranno i medici:

  1. Blocco di infiltrazione circolare di siti di morso con una soluzione allo 0,5% di novocaina;
  2. In edema grave e manifestazioni generali di intossicazione: diuresi forzata con alcalinizzazione del sangue;
  3. Cloruro o gluconato di calcio, l'acido ascorbico si trova per via endovenosa;
  4. Intramuscolare: idrocortisone o prednisone, antistaminici, farmaci per sostenere l'attività cardiaca;
  5. Ricovero in ospedale per ulteriore trattamento.

Prevenzione.

  • Naturalmente, il primo e più sicuro mezzo di prevenzione è evitare una puntura d'ape. Ma questo non è sempre possibile.
  • La svista più comune è il movimento attivo per allontanare un'ape. Se ti comporti con calma, semplicemente non ti presterà attenzione. Pertanto, non oscillare le braccia alla vista delle api e insegnare ai vostri figli a questo.
  • Durante il periodo di fioritura delle piante di miele, non usare profumi con aromi dolci, a loro piacciono non solo te, ma anche api.
  • Quando viaggi sulla natura, vesti bene. Indossare maglioni e giacche a maniche lunghe e pantaloni lunghi.
  • Un antistaminico dovrebbe essere sempre presente nel kit di pronto soccorso domestico.
  • Non uccidere mai un'ape se ci sono altre api nelle vicinanze. Un'ape schiacciata è in grado di emettere sostanze e odori che avvertono i compatrioti del pericolo. Così, dopo aver schiacciato un'ape, puoi essere sotto attacco di tutto lo sciame.

In conclusione, vorrei sottolineare che nel nostro secolo di ecologia malsana, contaminazione del gas, nutrizione malsana, il numero di reazioni allergiche è solo in crescita. Pertanto, qualsiasi persona dovrebbe sapere cosa fare in questo caso.

Allergia alle punture di api

I morsi di api in una situazione normale non rappresentano un pericolo particolare - il dolore e l'arrossamento presto passano. Tuttavia, per le persone che sono allergiche al veleno delle api, la puntura d'ape, la vespa, il calabrone o il calabrone possono essere una vera minaccia per la vita.

Sintomi di puntura d'ape

I sintomi di una puntura d'ape sono ben noti:

  • momentaneo dolore acuto e bruciore al sito del morso
  • gonfiore e arrossamento del morso con un punto bianco al centro (punto di penetrazione del pungiglione)

Puntura d'ape - clicca sull'immagine per ingrandirla (un avvertimento è un'immagine molto grande)

Una reazione allergica a una puntura d'ape può di solito manifestarsi in pochi minuti, meno spesso in poche ore. I sintomi di allergia alle api possono essere i seguenti:

  • gonfiore progressivo al sito morso
  • prurito in tutto il corpo (orticaria)
  • tosse, difficoltà respiratoria di tipo asmatico
  • nausea, vomito

orticaria

Anafilassi. Anafilassi si riferisce a una grave reazione allergica che minaccia la vita di un paziente. I sintomi sono i seguenti:

  • insufficienza respiratoria
  • gonfiore dei tessuti molli della cavità orale, collo
  • improvviso calo di pressione
  • vertigini, perdita di coscienza

Punture di api multiple

Morsi multipli possono essere molto pericolosi anche per le persone che non sono allergiche (soprattutto per i bambini e "core"), ma i morsi multipli raramente portano alla morte, anche se molti registi di Hollywood sono ovviamente considerati diversi (scherzo).

diagnostica

La diagnosi subito dopo il morso è evidente.

La diagnosi della presenza / assenza di allergia al veleno delle api include quanto segue:

  • test cutanei.
  • misurazione del livello di anticorpi specifici (IgE)

Trattamento di puntura d'ape

Nella maggior parte dei casi, i rimedi casalinghi sono sufficienti. Per morsi multipli e allergie al veleno delle api, di solito è richiesta un'assistenza medica qualificata.

Se una puntura d'ape rimane nella pelle, allora deve essere rimossa il più presto possibile, dal momento che continua a rilasciare veleno dopo il morso. È meglio farlo con pinzette, pinzette o qualcosa di simile. Cerca di non spremere il sacco di veleno attaccato alla puntura.

Rimozione di una puntura d'ape - clicca sull'immagine per ingrandirla (un avvertimento è un'immagine molto grande)

  • Lavare la zona morsa con acqua e sapone.
  • inoltre, il posto morso può essere unto con crema di idrocortisone o qualsiasi crema lenitiva
  • il ghiaccio può essere applicato
  • non pettinare il posto morso
  • con forti pruriti o sintomi allergici, assumere un agente antiallergico non recettore (claritina, difenidramina, ecc.)
  • Se i sintomi allergici si sviluppano rapidamente o sono in pericolo di vita, o se ci sono stati episodi di allergia potenzialmente letali, utilizzare un autoiniettore con adrenalina (Epipen, Twinzhekt).

L'autoiniettore è una siringa monouso per iniezione intramuscolare con un meccanismo di iniezione.

Devi essere in grado di utilizzare un autoiniettore e tenere traccia della sua data di scadenza. Si consiglia inoltre ai pazienti di addestrare i propri familiari a utilizzare un autoiniettore.

I pazienti che sono allergici alle api devono indossare un braccialetto medico (se possono acquistarne uno).

Immunoterapia (desensibilizzazione) - in alcuni casi, gli allergologi prescrivono la desensibilizzazione - la somministrazione ripetuta di piccole dosi di allergeni, che porta ad un indebolimento o alla scomparsa della reazione allergica.

Che altro si può fare dopo una puntura d'ape

  • Puoi strofinare la soluzione di aspirina nel sito del morso (l'aspirina effervescente è usata per farlo, naturalmente).
  • Puoi inumidire il morso con una soluzione di bicarbonato di sodio per diversi minuti.
  • Puoi immergere un morso con succo di aloe o calendula.
  • È possibile collegare una cipolla tagliata al sito del morso.

Come prevenire la puntura d'ape

Se sei gravemente allergico alle api:

  • non usare profumi con un forte odore
  • non mangiare frutta e dolci per strada
  • non indossare colori urlanti
  • i vestiti dovrebbero coprire completamente le braccia e le gambe
  • indossare un cappello o un cappello
  • chiudi i finestrini durante la guida
  • non andare a piedi nudi
  • mai spazzolare via le api - le provoca
  • non andare agli alveari

Allergia alle punture di api

Il veleno d'api è una delle medicine naturali più preziose. È usato in vari campi della medicina popolare e ufficiale. Ma per un numero abbastanza grande di persone, provoca allergie, che sono particolarmente pronunciate quando un'ape si punge.

Cause di allergia all'ape pungere

Quindi, l'allergene principale che entra nel corpo umano quando viene morso (o meglio, quando è punto) un'ape è veleno d'api. Oltre ai componenti tossici, contiene un'ampia varietà di composti proteici e altre sostanze biologicamente attive, molte delle quali sono forti allergeni.

Nelle persone che non sono allergiche al veleno delle api, il corpo affronta la sua dose, ottenuta da un singolo morso di ape, per diverse decine di minuti. In questo caso, si verificano solo reazioni locali: dolore, bruciore, gonfiore, arrossamento al sito del morso. Con più morsi (diverse decine), si verifica l'intossicazione generale del corpo, manifestata da nausea, brividi e mal di testa.

Se sei allergico al veleno delle api, le conseguenze di un singolo morso sono molto più gravi.

I sintomi dell'ape pungere allergia

Una reazione allergica quando si punge un'ape può svilupparsi sia nel tipo immediato che in quello ritardato. Può essere limitato ai sintomi locali, ma nella maggior parte dei casi, ci sono anche manifestazioni sistemiche di varia gravità. Ciò è spiegato dal fatto che quando viene preso un morso, l'ape inietta veleno in profondità sotto la pelle, e quasi immediatamente entra nel flusso sanguigno, quasi senza indugiare nel tessuto sottocutaneo nella sede del morso.

Sintomi locali di allergia alle api:

  • dolore acuto al sito morso;
  • prurito e bruciore;
  • arrossamento e gonfiore;
  • eruzione simile a un alveare.

Manifestazioni sistemiche

Per le allergie lievi:

  • prurito dappertutto;
  • gonfiore della pelle e delle mucose, angioedema;
  • brividi, febbre, letargia o, al contrario, eccitazione eccessiva sono possibili.

Con moderata gravità, oltre alla caratteristica dei sintomi di grado lieve, si verificano spesso:

  • gonfiore degli organi interni mucosi;
  • spasmi muscolari;
  • aritmia cardiaca;
  • abbassando la pressione sanguigna.

Quando una grave reazione allergica può sviluppare insufficienza cardiaca acuta, danno al sistema nervoso, shock anafilattico.

Trattamento di allergia da pungiglione ape

Se sei punto da un'ape, prima di tutto, il prima possibile, devi rimuovere la puntura che l'ape lascia sempre nella pelle. Ciò è necessario per impedire un'ulteriore penetrazione di veleno nel corpo: anche dopo la morte di un insetto, il veleno della puntura continua a essere rilasciato.

  • trattare il sito morso con qualsiasi antisettico (iodio, verde brillante, perossido di idrogeno, è possibile anche l'alcol o la vodka);
  • applicare freddo al sito del morso per rallentare l'assorbimento di veleno nel sangue (per mantenere 4-6 ore, cambiando come riscaldamento);
  • quando si morde un braccio o una gamba, applicare un laccio emostatico sopra il sito del morso (può essere tenuto per non più di 2 ore);
  • prendere qualsiasi antistaminico, preferibilmente un fast-acting (suprastin, tavegil).

Al minimo segno di una reazione sistemica (vedi i sintomi un po 'più alti), o se hai già sperimentato un'allergia alla puntura d'ape o ai prodotti dell'apicoltura, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza. È necessario chiamare un'ambulanza in caso di morsi multipli (più di 10 negli adulti, 3 nei bambini), anche se non si è allergici alla puntura d'ape.

L'assistenza medica di solito consiste nelle seguenti attività:

  • Blocco novocainico del sito morso;
  • cloruro di calcio per via endovenosa;
  • somministrazione intramuscolare di antistaminici e, se necessario, di farmaci corticosteroidi e preparati per mantenere il normale funzionamento del cuore;
  • la nomina di antistaminici per ulteriori trattamenti.

In presenza di reazioni sistemiche, anche il più leggero, è necessario il ricovero in ospedale.

Prevenzione dell'allergia alle punture di api

Il modo principale per prevenire questo tipo di allergia, per quanto banale possa sembrare, è evitare le punture di api. E per renderlo molto più facile di quanto sembri a prima vista. Ricorda: un'ape, al contrario degli insetti succhiatori di sangue, punge solo quando ritiene che la sua casa sia in pericolo. E così:

  • stare lontano da alveari, nidi di api selvatiche;
  • in nessun caso non cercare di scacciare l'ape, agitando le braccia, anche se vola proprio davanti al tuo naso;
  • non camminare a piedi nudi attraverso prati fioriti e prati, in modo da non calpestare il fiore dal quale l'ape raccoglie il nettare;
  • indossa la natura, indossa i vestiti più chiusi e, naturalmente, un copricapo (berretto, panama, fazzoletto): molto spesso le api pungono nella testa, impigliate nei capelli;
  • Ricorda che le api sono attratte dall'odore di profumo (soprattutto dolce, floreale), alcolico, aromatico, cibo dolce. Pertanto, prestare particolare attenzione quando si organizza un picnic in natura.

Se sei incline a qualsiasi reazione allergica, vai in natura, assicurati di portare con te un kit di primo soccorso, che dovrebbe avere tutto il necessario per il primo soccorso quando una puntura d'ape. Parlate con il vostro medico di quali farmaci dovreste portare sempre con voi e come usarli correttamente in caso di emergenza.

Se è allergico al veleno delle api almeno una volta manifestato in lei in una gravità grave o moderata, deve sottoporsi anticipatamente a un ciclo di immunoterapia specifica degli allergeni (in inverno o all'inizio della primavera).

La pagina è stata utile? Condividilo nel tuo social network preferito!

Allergia alle punture di api

L'allergia a una puntura d'ape nella pratica medica si chiama insetto ed è accompagnata da una condizione dolorosa che si verifica a seguito del contatto con un insetto o dopo una puntura d'ape.

Un'ape morde solo una volta nella sua vita, dopo di che muore, e il suo pungiglione, che si lacera insieme al sacchetto, che contiene veleno, rimane nel corpo umano. Il fatto sorprendente è che la borsa può ridursi da sola e iniettare veleno in profondità nella pelle.

Perché sviluppare allergia alla puntura d'ape?

La puntura d'ape contiene molti ingredienti che possono provocare una reazione allergica. Dopo aver inserito il contenuto di sangue tossico può causare un tipo di reazione immediata.

La composizione del veleno d'api include:

  • acidi cloridrico, ortofosforico e formico;
  • norepinefrina e istamina;
  • amminoacidi e peptidi;
  • melitina e acetilcolina.

È importante ricordare che se non si rimuove la puntura con una puntura d'ape, i sintomi allergici possono aumentare.

Un fatto interessante è che una vespa non lascia una puntura, ma può mordere più di una volta di fila e la sua composizione è simile al suo veleno d'api. Inoltre, le possibili conseguenze e il trattamento necessario sono esattamente gli stessi di una puntura d'ape.

I sintomi della malattia

I sintomi negativi del veleno d'api sono possibili nelle persone di qualsiasi fascia d'età. I pazienti più sensibili sono giovani. Una vera reazione allergica può essere determinata se, dopo aver rimosso la puntura, si manifestano reazioni locali, che sono espresse come:

  • edema grave, che aumenta durante il giorno e può durare 10 o più giorni;
  • iperemia, che si estende su ampie aree del corpo;
  • prurito insopportabile;
  • capogiri, aumento della debolezza;

A volte i processi infiammatori e infettivi possono unirsi a questo sintomo.

Reazioni inadeguate

Raramente dopo una puntura d'ape si può sviluppare la malattia da siero, che si esprime dai seguenti sintomi:

  • rash iperemico può comparire sul corpo;
  • c'è dolore e dolore alle articolazioni;
  • c'è una forte ipertermia;
  • aumento della debolezza e malessere.

A volte possono manifestarsi sintomi simili in pazienti sottoposti a reazione anafilattica. In questo caso, la probabilità di una recidiva è alta.

anafilassi

Lo shock anafilattico può verificarsi entro 10-15 minuti dopo che la tossina delle api è entrata nel corpo ed è caratterizzata dalle seguenti manifestazioni:

  • la comparsa di un'eruzione cutanea iperemica estesa;
  • forte prurito;
  • angioedema e spasmi delle vie respiratorie;
  • crollo acuto dei vasi sanguigni e shock con un forte calo della pressione sanguigna;
  • spasmo intestinale, diarrea e minzione involontaria;
  • vertigini fino alla perdita di coscienza;
  • può causare convulsioni;

L'anafilassi è pericolosa durante la gravidanza, poiché le contrazioni uterine possono portare all'aborto.

Va ricordato che se il paziente inizia una reazione anafilattica, è necessario effettuare un trattamento di emergenza. Altrimenti, il paziente potrebbe morire. Fornire assistenza tempestiva è particolarmente importante quando l'allergia alle api si manifesta per la prima volta nei bambini, poiché i bambini hanno un sistema immunitario insufficientemente formato e possono reagire in modo imprevedibile.

trattamento

Il trattamento dell'allergia alle api richiede cure immediate di emergenza. Prima dell'arrivo dell'ambulanza, è necessario rimuovere la puntura dell'insetto, osservando tutte le condizioni dell'antisettico, dopodiché si raccomanda di trattare il sito di localizzazione con un antisettico. Quindi, applicare un impacco raffreddato per 3-4 ore.

Il trattamento di emergenza prevede l'uso di farmaci antiallergici (Erius, Pipolfen, Diazolin, ecc.), Che dovrebbero essere sempre con allergie. Come trattamento topico, si raccomanda l'uso di unguenti glucocorticoidi (idrocortisone, prednisolone, ecc.).

L'assistenza medica professionale consiste nel condurre un blocco circolare Novocainova (0,5%). Se l'edema è grave e l'intossicazione aumenta, si raccomanda di eseguire la diuresi forzata. Per la rimozione di edema, viene prescritta la somministrazione endovenosa di calcio cloruro (gluconato) e acido ascorbico.

Per mantenere l'attività cardiaca, si raccomanda la somministrazione intramuscolare o endovenosa di glucosidi cardiaci. Ulteriore trattamento dovrebbe essere effettuato in un ospedale. Per complicazioni, si raccomanda un breve ciclo di farmaci ormonali.

prevenzione

I pazienti il ​​cui veleno d'api può causare anafilassi dovrebbero seguire le misure di protezione di base. In alcuni casi, può salvare le loro vite. Per la massima protezione contro una reazione negativa, è necessario rispettare le seguenti regole:

  1. Se una persona predisposta a reazioni allergiche si riposa fuori dalla città, in uno spazio aperto, non è consigliabile andare a piedi nudi, perché gli insetti possono spesso nascondersi nell'erba.
  2. Non è consigliabile indossare abiti luminosi che attirano api e vespe in primavera ed estate.
  3. Dovrebbe essere molto prudente usare profumo profumato (vernici, deodoranti, eau de toilette, ecc.), Il cui odore può attirare l'insetto.
  4. È necessario utilizzare il copricapo, perché se un'ape si trova su aree aperte del corpo, è altamente probabile che possa pungere.
  5. Si consiglia di installare una griglia sottile di api sulle finestre e di utilizzare guanti protettivi durante i lavori di giardinaggio.
  6. Quando si mangia cibo in natura, bisogna stare attenti, perché le api e le vespe siedono spesso sul cibo.
  7. È importante utilizzare insetticidi per proteggere la stanza e avere sempre con sé un kit anti-shock, con il quale è possibile iniziare un trattamento tempestivo di un attacco allergico acuto. La composizione di questo kit deve includere farmaci antiallergici e ampolla di adrenalina o epinefrina.

Se l'insetto, nonostante tutte le misure preventive, ha morso il paziente, la puntura d'ape deve essere rimossa correttamente. Non puoi estrarlo con le dita, poiché una sostanza tossica a seguito della compressione della sacca può entrare completamente nel corpo, aumentando la reazione negativa. Rimuovere il pungiglione di un'ape può essere un movimento scorrevole di qualsiasi oggetto sottile (coltello, lime per unghie, pinzette, ecc.), Che comprime il canale del veleno nel corpo.

Va ricordato che qualsiasi reazione allergica, inclusa l'allergia ad una puntura d'ape, richiede la consultazione obbligatoria di uno specialista. Solo con un approccio integrato può prevenire recidiva in futuro.

L'ARTICOLO È IN ROTTA - allergeni, insetti.

Immunoterapia o come curare le allergie alle api per sempre!

Conosciuto come desensibilizzazione del veleno o immunoterapia allergia, Venom Immunotherapy (VIT) è una terapia che risponde alla domanda su come trattare correttamente le allergie alle api una volta per tutte! È una terapia che riduce la sensibilità agli allergeni nel veleno che causano una reazione allergica. Usa piccole dosi di veleno o di api intere che vengono iniettate sotto la pelle. Nel corso del tempo, la reazione allergica diminuisce o addirittura scompare completamente.

L'immunoterapia è disponibile per il trattamento delle allergie da morso: api mellifere, giacche gialle, calabroni, vespe di carta, formiche di fuoco.

Quante persone sono allergiche alle punture di api?

Ci sono diverse statistiche. Gli anziani dicono che dall'1 al 5% di tutte le persone nel mondo sono allergici alle api o ad altri insetti, come vespe e calabroni. Un sondaggio del 2012 dice che i numeri sono più alti, fino al 25% della popolazione, mentre l'anafilassi è di circa il 3,5%.

Nel Regno Unito sono stati segnalati 4 decessi di anafilassi da punture di api o vespe. L'età media interessata è di 50 anni. La diffusione di allergie e anafilassi al fuoco è stata segnalata anche negli Stati Uniti. In Svizzera, una persona muore ogni anno dopo essere stata morsa da un'ape o da una vespa. I numeri sono davvero piccoli, statisticamente, spesso moriamo di un omicidio o moriamo in un incidente stradale che corre all'ospedale piuttosto che dal pungiglione.

Le allergie alle api tendono a verificarsi in gruppi ad alto rischio come gli apicoltori, i giardinieri e gli agricoltori. Gli apicoltori sono particolarmente inclini alle punture di api. Le allergie al veleno delle api hanno meno probabilità di svilupparsi se mordono più spesso. Gli esperti dicono che gli apicoltori con più di 200 morsi annuali non svilupperanno mai un'allergia al veleno d'api.

Come sappiamo che siamo allergici alle punture di api o alle vespe?

Immunoterapia del veleno d'api Il modo migliore per scoprire se una persona è allergica o meno è controllare la reazione:

Reazioni non allergiche:

Alcuni dolori arrossati e gonfiori che accompagnano la puntura non sono considerati un'allergia, ma piuttosto una reazione tossica locale al veleno. Questa reazione non allergica si sviluppa in poche ore senza effetti avversi e si deposita entro un giorno o due. La stragrande maggioranza delle reazioni allergiche alla febbre degli insetti sono lievi inconvenienti che possono essere controllati assumendo antistaminici.

Reazioni allergiche:

In una persona allergica, il veleno di insetti avrà una reazione più immediata e seria. Può essere:

  • reazioni lievi con arrossamento e gonfiore, estensione alle articolazioni, forte prurito e dolore, che si verificano tutti in pochi minuti dopo il morso.
  • reazioni più gravi che includono: gonfiore generalizzato e prurito (cuoio capelluto, palme e piante dei piedi), orticaria e angioedema, debolezza, sudorazione, mal di testa, crampi addominali e vomito, sensazione di "morte imminente", torace stretto o sensazione di soffocamento gonfiore della gola e in casi estremi, shock anafilattico e morte.

Le reazioni allergiche possono svilupparsi tra 10 minuti dopo un morso, perciò è necessario un intervento precoce. Non è previsto se i futuri morsi porteranno a reazioni allergiche più o meno gravi o anafilassi. Tuttavia, se è passato molto tempo dall'ultimo orrore, la reazione sarà probabilmente meno seria.

Di solito viene condotto un test per le allergie alle vespe e al veleno d'api. Usa il test del sangue ImmunoCAP RAST, che misura gli anticorpi Igom IgE specifici nel sangue. Ma questo test non può prevedere la gravità delle reazioni future. Per la potenziale anafilassi della vespa o del veleno d'api, ci sono test più recenti e più specifici per gli allergeni del componente IgE che prevedono una risposta clinica significativa. Per il veleno da oppio, questo è Ves v 5 (ImmunoCAP i209), e per l'allergia al veleno delle api, l'anticorpo IgE specifico è Api m1 (ImmunoCAP i208), e sono buoni indicatori per gravi reazioni allergiche al veleno o addirittura anafilassi.

Entrambi questi test sono utili per identificare le persone che beneficeranno della desensibilizzazione della puntura dopo la successiva immunoterapia per iniezione.

Le reazioni potenzialmente letali sono più comuni nelle persone con allergie elevate, persone anziane con problemi cardiaci o respiratori preesistenti o con morsi multipli. La situazione fatidica richiede 1400 punti. Non fatevi prendere dal panico così facilmente! Mordere il viso, il collo e il cuoio capelluto è più probabile che possa causare anafilassi.

Non esercitare o fare un bagno caldo dopo essere stato morso, in quanto ciò potrebbe aumentare la distribuzione del veleno.

Le reazioni allergiche da veleno d'api sono a maggior rischio di anafilassi potenzialmente letale rispetto a quelle provenienti da veleno di vespe.

Come funziona l'immunoterapia?

Il paziente viene somministrato regolarmente aumentando gradualmente le dosi di veleno fino a raggiungere un livello di 100 μg di veleno. Questo è equivalente a essere punto da molte vespe e api!

Il trattamento inizia con una dose minuscola e durante il periodo di immunoterapia, la dose di mantenimento target viene raggiunta senza alcuna risposta allergica maggiore. Il paziente viene quindi "curato" dalle allergie, ma deve essere dosato nei prossimi anni per mantenere la desensibilizzazione. La teoria è che alla fine il paziente non ha bisogno di supporto per le iniezioni ed è "guarito"!

Tipi di immunoterapia

La durata tipica del trattamento va dai tre ai cinque anni. Il protocollo di trattamento varia da paese a paese, ma i seguenti protocolli sono tipici: Rush Immunotherapy - una forma rapida di trattamento con iniezioni ogni poche ore, di solito da 3 a 5 giorni al termine del quale il paziente diventa desensibilizzato.

Immunoterapia standard: occorrono da 10 a 15 settimane quando il paziente viene iniettato ogni settimana. Immunoterapia lenta - questo di solito accade se il paziente soffre di una risposta sistemica durante il trattamento. Un allergologo, di regola, dimezza la dose successiva e continua il tasso meno aggressivo rispetto all'immunoterapia standard.

C'è un test preliminare?

Test per vespe e l'ingestione delle api non è semplice. Ai pazienti viene solitamente offerto un test cutaneo o un esame del sangue, che teoricamente determina a quali insetti il ​​paziente è allergico. Tuttavia, è meglio avere una cronologia dettagliata del paziente, perché i risultati del test potrebbero essere inaccurati e il corpo cambia completamente il suo stato allergico in modo inatteso. Ci sono stati un numero significativo di casi di persone con reazioni sistemiche potenzialmente fatali, ma con risultati negativi.

Secondo la maggior parte dei medici, è necessario un test specifico per le IgE e l'immunoterapia non dovrebbe iniziare senza di essa. Qual è la procedura? Iniezioni regolari vengono effettuate sotto la pelle del braccio. Ecco un esempio di terapia per iniezioni: - una volta alla settimana, per 11 settimane, iniziando con una dose minuscola e aumentando gradualmente fino alla dose massima - una volta al mese per 3 mesi usando la dose più alta. - una volta ogni 3 mesi, per 3 anni, dalla dose più alta.

Prima di ogni iniezione, vengono controllati diversi fattori: polso, pressione sanguigna e respirazione di picco. Il medico chiederà al paziente alcune domande sullo stato generale di salute e qualsiasi reazione allergica con eventuali iniezioni precedenti. L'iniezione viene praticata da un medico o da un infermiere nell'aspetto esterno della spalla e può manifestare fastidio nel sito di iniezione, che deve essere tenuto in osservazione per un'ora in un ospedale o in una clinica. Durante questo periodo, verranno effettuate ulteriori misurazioni dell'impulso, della pressione sanguigna e del flusso delle vie aeree di picco. A determinati intervalli durante la desensibilizzazione a 3 anni, al paziente verrà chiesto di sottoporsi a un esame del sangue per monitorare specifici anticorpi contro i veleni.

I pazienti con effetti collaterali possono essere buoni con l'immunoterapia tossica. Ci sono effetti collaterali durante il trattamento? Non ci sono reazioni avverse gravi. Le reazioni avverse possono verificarsi entro un'ora dopo l'iniezione. Poiché il trattamento viene eseguito in ospedale, durante il trattamento sarà presente un medico o un infermiere e il paziente sarà monitorato da vicino per un'ora.

La desensibilizzazione può essere eseguita solo in cliniche specializzate. Non farlo a casa.

Inizialmente, il sito di iniezione può diventare leggermente gonfio e prurito entro 2-3 giorni, ma queste reazioni di solito migliorano non appena viene raggiunta la dose massima. Alcuni pazienti possono sentirsi stanchi entro 24 ore dopo l'iniezione, specialmente nei primi tre mesi. Le reazioni più gravi sono meno comuni: un prurito generalizzato, asma, prurito agli occhi o sintomi nasali. Tutto questo è immediatamente curabile.

Molto raramente, una reazione allergica grave può verificarsi subito dopo l'iniezione. Ma questo può essere rapidamente trattato dal medico della clinica. L'esercizio fisico può aumentare l'assorbimento dell'allergene dal sito di iniezione e può aumentare il rischio di effetti collaterali. Pertanto, nessun esercizio intenso, nessun uso intensivo delle mani deve essere effettuato entro 24 ore dopo l'iniezione. Se il paziente ha raffreddore, influenza o febbre, l'iniezione deve essere posticipata fino al completo recupero.

L'efficacia dell'immunoterapia per le allergie alle api?

Il successo della desensibilizzazione contro il veleno d'api è di circa l'80%, mentre contro l'allergia alla vespa è di circa il 95%. Tuttavia, il miglioramento a lungo termine viene osservato solo se il paziente continua la terapia per almeno tre anni. Nel febbraio 2012, l'Istituto nazionale per l'eccellenza clinica (NICE) ha emesso una valutazione tecnica che ha confermato l'efficacia del trattamento per i pazienti e il suo costo-efficacia

• Qualsiasi ricerca e sperimentazione clinica • Molti di questi • Eccone uno pubblicato dal British Medical Journal nel 1958: "DESENSIBILIZZAZIONE DELLE STELLE DI API INTRACUTANEE ESEGUIRE ESTRATTO DI ESTRATTO INTERO".

Lo studio è stato eseguito da DAVID ORDMAN, M.B., Ch.B., D.P.H. Presso l'Istituto sudafricano per la ricerca medica, Johannesburg, in Sud Africa. Nel loro studio, 24 persone sensibili alle punture di api sono state sottoposte a desensibilizzazione con risultati molto buoni. Lo studio ha incluso persone provenienti dal Sud Africa. Le reazioni allergiche erano comuni e includevano: reazioni locali in arrossamento e gonfiore nel sito di una reazione a un rash, orticaria, gonfiore del viso e della glottide, e spesso shock anafilattico, con collasso, stato di incoscienza e persino morte. C'erano anche malessere, vomito, mancanza di respiro o broncospasmo. Questi effetti apparvero pochi minuti dopo il morso, o raggiunsero il loro apogeo entro poche ore. L'allergia non era improvvisa. I pazienti hanno riferito che dopo l'iniziale irritazione sensibilizzante, che avrebbe potuto essere molti anni fa, un periodo più lungo o più breve di libertà dalle reazioni significative E poi i sintomi intensificati bruscamente con ogni morso successivo.

Ecco un esempio: un contadino di 44 anni spesso puntava, essendo un ragazzo e un giovane, con reazioni locali più o meno gravi dopo ogni boccone. Quando fu punto nel 1952, la sua reazione fu piccola, ma dopo tre minuti perse conoscenza e rimase così per due ore. Dopo il recupero, ha avuto un "soffocamento", mal di testa e disagio continuato per un giorno o due.

Cosa ha usato per la desensibilizzazione? Il team dell'Istituto sudafricano per la ricerca medica ha utilizzato iniezioni intradermiche di estratti di api intere. Hanno fatto ricorso a questo aspetto da un punto di vista pratico e perché, dalla ricerca, in persone sensibili alle punture di api, test intradermici con estratto di api interi e con estratto di sacchetto ambrato-velenoso hanno causato reazioni simili. E a quel tempo era più facile farlo da intere api. (Per coloro che vogliono sapere, le api sono state isolate in un contenitore chiuso e uccise dal cloroformio che lavate, asciugate e passate attraverso un paio di metodi, ma non abbiamo davvero bisogno di conoscere tutti questi dettagli.)

La prova preliminare della pelle era. L'obiettivo era quello di determinare il grado di sensibilità del paziente in "unità" a un determinato lotto di estratto di proteine ​​delle api quando viene utilizzato. Maggiori informazioni su questo studio possono essere trovate qui su ncbi.nlm.nih. Gov. • Nel 1979, lo studio "Desensibilizzazione dei pazienti con allergia alle api con veleno d'api puro" fu riferito da Abkiewicz C et al. Quaranta pazienti che avevano precedentemente sperimentato gravi reazioni sistemiche dopo una puntura d'ape sono stati desensibilizzati usando puro veleno d'api. Ricerca pubblicata da ncbi.nlm.nih.gov.

Avvertenze sulla gravidanza: la desensibilizzazione di solito non inizia o continua durante la gravidanza a causa del rischio per il bambino se si verifica una reazione grave.

Pungiglione d'api pronto soccorso

L'allergia al veleno d'api è registrata nel 2-3% delle vittime. Pertanto, è molto importante conoscere le prime misure di aiuto per una puntura d'ape. Le api da miele sono rappresentanti dell'ordine degli Imenotteri, conducendo una vita sociale. Vivono in famiglie nelle quali distinguono le regine, le api operanti (femmine) e i droni (maschi). L'apparato bruciore è un ovopositore modificato e si trova all'estremità dell'addome. Solo le femmine hanno una puntura: la usano principalmente per difesa, a volte per attacco. La puntura di un'ape ha strane escrescenze sulla sua superficie - tacche che rimangono nei tegumenti del corpo della vittima dopo il morso. Non solo la puntura rimane nel corpo della vittima, ma anche la ghiandola del veleno e la sacca muscolosa del veleno. Con la riduzione del sacco muscolare, la sostanza velenosa entra nell'ambiente interno del corpo entro tre minuti dopo il morso.

La composizione del veleno d'api include:

  • Aminy-adrenalina, istamina, serotonina
  • proteine
  • enzimi

Una persona sana che non è incline alle allergie può soffrire fino a 400-500 punture di api. In questo caso, c'è una generale intossicazione del corpo: nausea, vomito, brividi, mal di testa. A 1-5 punti, si osservano solo reazioni infiammatorie locali: arrossamento, prurito, gonfiore, dolore.

Nelle persone sensibili al veleno delle api, una puntura può provocare una violenta reazione del corpo e portare alla morte. A volte c'è un effetto cumulativo di veleno. Si è notato che alcune persone (ad esempio gli apicoltori) sviluppano gradualmente allergie. Ciò è dovuto all'elevata attività tossica del veleno, a seguito della quale diminuisce la difesa immunitaria del corpo.

Reazioni allergiche

Le manifestazioni allergiche delle punture di api sono divise in due tipi:

1) Reazione immediata

2) Reazioni in ritardo

Le reazioni di tipo immediato iniziano immediatamente dopo la puntura e continuano per 1-2 ore.

Ci sono 3 gravità delle manifestazioni allergiche:

1) Lieve gravità. I sintomi - prurito, gonfiore dei tessuti, mucosa nasale, conseguenze pericolose possono essere gonfiore della laringe e della mucosa orale. Spesso alcune vittime si lamentano di brividi, letargia; per gli altri, al contrario, c'è un aumento della temperatura corporea e un'eccessiva eccitazione del sistema nervoso.

2) gravità moderata. Segni - edema delle mucose dell'apparato digerente e respiratorio, spasmi degli organi muscolari (bronchi, utero, stomaco). Questi sintomi sono combinati con lievi sintomi allergici. Spesso ci sono cambiamenti nel lavoro del sistema cardiovascolare (aritmia, aumento o rallentamento del ritmo cardiaco), debolezza generale, abbassamento della pressione sanguigna.

3) Grave severità. Segni: insufficienza cardiaca acuta, danni al sistema nervoso, spasmi muscolari lisci. Con un alto grado di intossicazione, la minzione involontaria e la defecazione sono possibili.

Le reazioni di tipo tardivo si sviluppano nel 3% dei casi. Le reazioni allergiche iniziano ad apparire dopo 6-8 ore dopo la puntura. I cambiamenti patologici sono localizzati in un particolare organo che è più sensibile al veleno delle api. Lesioni osservate di fegato, reni, sistema nervoso, vasi sanguigni.

Fare una diagnosi

Diagnosticare un'allergia al veleno d'api non è difficile.

La diagnosi viene impostata in base ai seguenti dati:

  • Stesura di una storia dettagliata della malattia. È necessario fare l'attenzione al fatto che al primo pungiglione da un'ape, una reazione allergica, di regola, non succede. Ma con ogni successiva puntura aumenta la sensibilità del corpo.
  • Effettuare test della pelle. Questo tipo di ricerca viene effettuata non prima di 30 giorni dopo l'ultima reazione allergica.
  • L'uso di campioni provocatori a causa dell'elevata tossicità del veleno è escluso.

È difficile diagnosticare allergie durante lo sviluppo di reazioni di tipo tardivo. Le vittime non sempre associano il cattivo stato di salute alle punture di api. A volte dopo aver pungolato una persona può svenire senza informare il medico di allergie.

Pronto soccorso per la puntura d'ape

  • Immediatamente dopo essere stato morso, il pungiglione deve essere rimosso entro 3 minuti per evitare che il veleno venga risucchiato. Il modo più semplice per fare questo chiodo.
  • Applicare freddo al sito morso per ridurre il flusso di sangue e ridurre l'assorbimento di sostanze velenose.
  • Al di sopra del punto di puntura, può essere applicato un laccio emostatico che ritarderà la diffusione del veleno. Il laccio emostatico viene applicato non più di 2 ore in estate.
  • Per alleviare l'edema, alle vittime vengono prescritti antistaminici per bocca per una settimana.
  • Il trattamento locale viene effettuato con unguenti con glucocorticoidi.
  • È consigliabile applicare in aggiunta vitamina C, calcio gluconato, askorutin per ridurre la permeabilità della parete dei vasi sanguigni.
  • Per gravi reazioni allergiche che si verificano con una singola puntura, si raccomanda l'immunoterapia specifica.
  • Se è impossibile condurre corsi di immunoterapia, è possibile applicare il metodo di immunizzazione passiva. Si basa sull'introduzione del plasma sanguigno umano, contenente anticorpi pronti per il veleno d'api. I donatori di plasma sono più spesso apicoltori, poiché hanno l'iperimmunità prodotta dopo numerose punture di api. Tuttavia, questa protezione funziona solo per 7 -10 giorni.

prevenzione

Le regole di base per la profilassi sono le seguenti:

  • L'uso di insetticidi in presenza di insetti pungenti.
  • Quando si scelgono i vestiti si evitano tessuti luminosi, in quanto sono più evidenti alle api.
  • Cerca di non lasciare parti del corpo aperte quando esci.
  • Non camminare a piedi nudi.
  • Non usare preparazioni di propoli, poiché contiene proteine ​​identiche a veleno.
  • Trasportare medicine per il primo soccorso con una puntura d'insetto.

I seguenti articoli su questo argomento ti aiuteranno anche a:

Allergia alle api

L'allergia alle api dona alla persona il più forte disagio e nei casi gravi provoca il verificarsi di shock anafilattico, che può essere pericoloso per la vita. Pertanto, è importante sapere come comportarsi quando morso da questa ape e cosa fare se una persona ha un'allergia ad esso.

Allergia alle api: segni

A differenza delle vespe, che non lasciano una puntura sul luogo di un morso, le api perdono il loro morso quando mordono e muoiono. Insieme alla puntura, iniettano nella pelle di una persona un veleno che può causare una reazione allergica. Contiene composti proteici, istamina, aminoacidi e altri principi attivi. In piccole quantità, il veleno d'api può essere benefico per la salute. Tuttavia, in caso di ipersensibilità ai suoi costituenti, il veleno provoca grave allergia alla puntura di ape.

Sintomi di allergia agli acari dell'ape

Dopo un morso, il punto in cui l'ape si punge diventa gonfio, gonfiore e arrossamento. Al centro del gonfiore risultante c'è un foro, in cui rimane la puntura. Forse un aumento della temperatura locale, così come un forte dolore.

La reazione sopra descritta è la normale risposta dell'organismo alla penetrazione del veleno d'api in esso. Se una persona è incline alle allergie, la comparsa di segni più pericolosi. I sintomi dell'allergia alle api sono i seguenti:

  • forte prurito;
  • eruzione cutanea su tutto il corpo, simile a un'eruzione dell'orticaria;
  • angioedema;
  • vertigini o mal di testa;
  • tosse e naso che cola;
  • annaffiare;
  • il rossore non solo della zona del morso, ma anche l'ampia area circostante;
  • linfonodi ingrossati;
  • convulsioni;
  • diminuzione della pressione, polso debole;
  • perdita di coscienza;
  • brividi.

Con una maggiore sensibilità al veleno d'api o nel caso in cui una persona sia stata punto da un gran numero di insetti, c'è un pericolo per la vita. Crampi allergici e abbassamento della pressione arteriosa possono portare ad un arresto cardiaco e un grave gonfiore della gola e della lingua può portare a problemi respiratori.

Punture di allergia alle api: cosa fare?

Pronto soccorso per la puntura d'ape

Affinché il trattamento dell'allergia delle api pungere sia efficace, è necessario fornire il primo soccorso alla persona interessata correttamente.

La prima cosa da fare se sei morso da un insetto (indipendentemente dal fatto che tu sia allergico o meno a una puntura d'ape) è quello di rimuovere la puntura. Premere leggermente il morso con le dita pulite e tenere le pinzette disinfettate con l'altra mano. Afferra il bordo del pungiglione con le pinzette e estrai con cura. Ricorda: più velocemente puoi rimuovere la puntura, maggiore è la probabilità che il veleno d'api non abbia il tempo di soffiare il sangue dal corpo.

Non tirare fuori il pungiglione con le unghie o cercare di spremere il veleno che è entrato nella ferita. Ciò può portare al fatto che il posto della puntura d'ape diventa ancora più ferito e, di conseguenza, doloroso. Inoltre, spremendo il veleno, puoi accidentalmente infettare la ferita.

Dopo aver rimosso la puntura, è necessario trattare la ferita. Per fare questo, si consiglia di attaccarlo ad esso per 10-15 minuti un tovagliolo pulito o una benda imbevuta di alcool medico o perossido di idrogeno. Quindi fai un impacco freddo o applica un pezzo di ghiaccio avvolto in un asciugamano. A causa degli effetti del freddo, il dolore si attenuerà un po '.

Allergia alle api: trattamento

Se dopo un morso la temperatura aumenta e iniziano i brividi, è molto probabile che la vittima sia allergica al veleno delle api. In questo caso, devi dargli una grande quantità di liquido. Bene, se è un tè caldo debole con zucchero. Per far fronte ai brividi che si verificano quando si è allergici a una puntura d'ape, si raccomanda di coprire la persona con una coperta e, possibilmente, di surriscaldare i riscaldatori.

Per ridurre il rilascio di allergie istaminiche nel sangue, si consiglia di prendere antistaminici. Un allergologo è impegnato nel loro appuntamento, quindi è necessario consegnare la vittima a una struttura medica o chiamare un'ambulanza. Il trattamento dell'allergia alle punture di api con l'unguento all'idrocortisone viene spesso prescritto - tuttavia, vale la pena ricordare che questo rimedio si riferisce ai farmaci ormonali, pertanto, quando lo si applica, è necessario valutare i pro ei contro.

Le allergie alle api sono quasi sempre accompagnate da un forte prurito, che non può essere limitato al sito del morso, ma diffuso in tutto il corpo. In questo caso, si consiglia di usarlo per spalmare la pelle pruriginosa con farmaci anti-allergici antipruriginosi - per esempio, gel Soventol o balsamo della famiglia Gardex. Un'efficace azione antipruriginosa ha anche una crema rigenerante "La Cree" per pelli sensibili.

In questi casi, se la ferita è stata pettinata, è entrata un'infezione e l'infiammazione locale è iniziata, vale la pena spalmare la ferita con Levomekol o altri farmaci antibatterici locali.

Se, quando è allergico a una puntura d'ape, il morso fa male, si consiglia di prendere un anestetico all'interno. È inoltre possibile utilizzare l'azione locale di farmaci. A tale scopo sono adatti il ​​gel Fenistil, gli unguenti Avantan e Menovazan, la soluzione Menovazin, la crema Panthenol.

Se un'allergia ad una puntura d'ape è accompagnata da edema (specialmente in caso di gonfiore delle mucose), i decongestionanti possono essere prescritti - Xilometazolina, tetrizolina.

Prevenzione delle allergie dopo una puntura d'ape

Se è previsto che in futuro una persona possa periodicamente entrare in contatto con le api (ad esempio, quando le riproduce), ha senso sottoporsi ad immunoterapia specifica per allergeni. La sua essenza si riduce al fatto che una sostanza che causa allergia viene iniettata nel corpo umano per un lungo periodo a piccole dosi. A poco a poco, la quantità di allergene aumenta, con il risultato che il sistema immunitario cessa di reagire in modo insolito. Questo metodo di trattamento di un'allergia alle api potrebbe non aiutare tutte le allergie, ma in alcuni casi è molto efficace.

In che modo la crema "La Cree" aiuta con l'allergia alle api?

Uno dei sintomi più sgradevoli dell'allergia alle api è il forte prurito al sito del morso. La crema ristrutturante "La Cree" sarà uno strumento efficace nel trattamento di questo sintomo di allergia alle api, che può essere integrato con i farmaci prescritti da un medico. I componenti naturali contenuti nella crema aiutano nella lotta contro il prurito e il rossore, oltre a fornire effetti antinfiammatori, antimicrobici e rigeneranti.