Search

Allergia a droghe, sintomi, trattamento

L'allergia ai farmaci è un problema comune, con ogni anno il numero di forme registrate di questa malattia aumenta solo.

La medicina ha imparato a far fronte a molte malattie attraverso lo sviluppo di farmaci.

Con il loro ammissione al corso, il benessere generale è migliorato, il funzionamento degli organi interni è migliorato, grazie ai farmaci, l'aspettativa di vita è aumentata drammaticamente e il numero di possibili complicanze è diminuito.

Ma la terapia delle malattie può essere complicata da una reazione allergica al farmaco usato per il trattamento, che si esprime con sintomi diversi e richiede la selezione di un altro rimedio.

La causa delle allergie ai farmaci

Una reazione specifica ai prodotti farmaceutici può verificarsi in due categorie di persone.

In pazienti che ricevono la terapia farmacologica di alcune malattie. L'allergia non si sviluppa immediatamente, ma con la somministrazione ripetuta o l'uso del farmaco. Nel periodo di tempo che intercorre tra due dosi del farmaco, il corpo viene sensibilizzato e vengono prodotti anticorpi, ad esempio, si possono somministrare allergie a Amoxiclav.

Gli operatori professionali che sono costretti a contattare costantemente con le medicine. Questa categoria comprende infermieri, medici, farmacisti. Grave, poco suscettibile alle allergie alle droghe in molti casi, provoca un cambiamento di lavoro.

Esistono diversi gruppi di farmaci, con l'uso dei quali esiste un alto rischio di sviluppare allergie:

  1. Gli antibiotici causano i sintomi più frequenti e gravi delle allergie ai farmaci.Tutti i dettagli qui http://allergiik.ru/na-antibiotiki-simptomy.html;
  2. sulfamidici;
  3. Farmaci antinfiammatori non steroidei;
  4. Vaccini, sieri, immunoglobuline. Questi gruppi di farmaci hanno una base proteica, che di per sé influenza già la produzione di anticorpi nel corpo.

Certamente, che le allergie possono svilupparsi assumendo altri medicinali, sia per uso esterno che per uso interno. È impossibile riconoscere la sua manifestazione in anticipo.

Molte persone sono predisposte a reazioni allergiche specifiche a vari farmaci, poiché soffrono di altre forme di allergie, predisposizione ereditaria e infezioni fungine.

Spesso, l'intolleranza alle droghe viene registrata quando si assumono antistaminici prescritti per eliminare altre forme di allergie.

È necessario separare le allergie ai farmaci dagli effetti collaterali e dai sintomi che si verificano quando la dose viene superata.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali sono caratteristici di molti farmaci, in alcune persone non si manifestano, altri possono sperimentare gli effetti dell'intero complesso di sintomi concomitanti.

Gli effetti collaterali pronunciati richiedono la nomina di un analogo del farmaco. L'eccesso di dose intenzionale o involontario porta all'avvelenamento del corpo, i sintomi di questa condizione sono determinati dai componenti del farmaco.

Segni di malattia

Quando sono allergici ai farmaci, i sintomi nei pazienti sono espressi in modo diverso. Dopo il ritiro del farmaco, possono passare da soli o viceversa, il paziente richiede cure di emergenza.

Succede anche che il corpo umano stesso possa far fronte a una reazione non specifica e dopo alcuni anni di utilizzo dello stesso farmaco, i sintomi non sono determinati.

Forme di dosaggio

La capacità dei componenti dei farmaci di formare un complesso di antigene - anticorpi dipende dalla forma della loro introduzione.

Quando somministrato per via orale, cioè attraverso la bocca, si sviluppa una reazione allergica in un numero minimo di casi, con iniezione intramuscolare, la probabilità di allergia aumenta e l'iniezione endovenosa di farmaci raggiunge il suo apice.

Tuttavia, quando un farmaco viene iniettato in una vena, i sintomi di allergia possono svilupparsi immediatamente e richiedere la fornitura di cure mediche tempestive ed efficaci.

sintomi

Le reazioni allergiche secondo il tasso di sviluppo possono essere divise in tre gruppi.

Il primo gruppo di reazioni include cambiamenti nel benessere generale di una persona, che si sviluppano immediatamente dopo che il farmaco entra nel corpo o entro un'ora.

Il secondo gruppo di reazioni si sviluppa durante il giorno, dopo che i componenti del farmaco entrano nel corpo.

  • Trombocitopenia: diminuzione del numero di piastrine nel sangue. Un basso numero di piastrine aumenta il rischio di sanguinamento.
  • L'agranulocitosi è una diminuzione critica dei neutrofili, che porta ad una diminuzione della resistenza del corpo a vari tipi di batteri.
  • Febbre.

Il terzo gruppo di reazioni aspecifiche a un farmaco si sviluppa per diversi giorni o settimane.

Di solito questo gruppo è caratterizzato dall'aspetto dei seguenti stati:

  • Malattia da siero
  • Vasculite allergica.
  • Poliartrite e artralgia.
  • La sconfitta degli organi interni.

L'allergia ai farmaci si manifesta con un'ampia varietà di sintomi. Non dipende dai componenti del farmaco e può manifestarsi in persone completamente diverse.

Con lo sviluppo di allergie, si manifestano manifestazioni cutanee, spesso si osservano orticaria, eritroderma, eritema, dermatite medica o eczema.

La comparsa di disturbi respiratori è caratteristica: starnuti, congestione nasale, lacrimazione e arrossamento della sclera.

È caratterizzato dalla comparsa di vescicole su gran parte della superficie del corpo e da un intenso prurito. Le bolle si sviluppano abbastanza bruscamente e dopo la cancellazione anche i farmaci passano rapidamente.

In alcuni casi, l'orticaria è uno dei sintomi dell'inizio della malattia da siero, con la malattia che si verifica anche a seguito di febbre, mal di testa, reni e malattie cardiache.

Angioedema e angioedema.

Si sviluppa su quelle parti del corpo dove c'è una fibra molto sciolta - labbra, palpebre, scroto, nonché sulle mucose della bocca.

In circa un quarto dei casi, l'edema compare nella laringe, che richiede assistenza immediata. L'edema laringeo è accompagnato da raucedine, respiro rumoroso, tosse e broncospasmo nei casi gravi.

Si sviluppa con il trattamento locale delle malattie della pelle o con il costante lavoro del personale medico con farmaci.

Manifestato da iperemia, vescicole, prurito, macchie piangenti. Il trattamento tardivo e il contatto continuo con l'allergene portano allo sviluppo di eczema.

La dermatite allergica della foto si sviluppa su aree del corpo aperte all'esposizione al sole durante il trattamento con sulfonamidi, griseofulvina e fenotiazina.

La comparsa dell'eritema e dell'eruzione papulare. Spesso combinato con lesioni delle articolazioni, mal di testa, mancanza di respiro. In casi gravi, danni registrati ai reni, all'intestino.

Febbre allergica

Può essere un sintomo di una malattia da siero o l'unico segno di una reazione non specifica.

Si verifica dopo circa una settimana di trattamento farmacologico e passa due giorni dopo la sospensione del farmaco.

Si può sospettare la febbre da farmaci in assenza di altri segni di malattie respiratorie o infiammatorie, con anamnesi allergica aggravata, dalla presenza di un'eruzione cutanea.

Allergie ai farmaci ematologici

Le allergie ai farmaci ematologici sono rilevate nel 4% dei casi e possono essere espresse solo in un quadro ematico modificato o agranulocitosi, anemia, trombocitopenia.

Il rischio di sviluppare una reazione allergica ai farmaci è aumentato nei pazienti con asma bronchiale, con una storia di shock anafilattico e allergie ad altri fattori precipitanti.

Trattamento allergico

Prima di procedere con il trattamento delle allergie ai farmaci, è necessario fare una diagnosi differenziale con altri disturbi con sintomi simili.

Durante il corso del trattamento con l'assunzione di diversi gruppi di farmaci, è necessario determinare l'allergenico per il corpo. Per fare questo, il medico raccoglie attentamente l'anamnesi, verifica i sintomi, il tempo del loro aspetto, la presenza di segni simili in passato.

La terapia dell'allergia ai farmaci prevede due fasi:

  1. L'abolizione dei farmaci che hanno causato segni di allergie.
  2. Farmaci da prescrizione volti ad eliminare i sintomi.

Nei casi lievi, per eliminare le allergie che non sono accompagnate da mancanza di respiro, gonfiore, grave eruzione cutanea, alterazioni del quadro ematico, è sufficiente interrompere il farmaco.

Successivamente, il benessere generale viene di solito ripristinato in uno o due giorni. Con una moderata manifestazione di una reazione allergica, vengono prescritti antistaminici - Claritin, Kestin, Zyrtec.

Quando vengono prescritti, i sintomi della pelle, prurito, gonfiore, tosse, lacrimazione e problemi respiratori sono ridotti.

Per eliminare i sintomi della pelle, può richiedere l'appuntamento aggiuntivo di unguenti anti-infiammatori e lozioni.

Nei sintomi gravi, farmaci prescritti con corticosteroidi, volti a eliminare edema, prurito, reazione infiammatoria.

La fornitura immediata di cure di emergenza richiede il verificarsi di mancanza di respiro, gonfiore del viso e della gola, l'orticaria a sviluppo rapido. Con lo sviluppo di tali condizioni, vengono iniettati adrenalina, ormoni, antistaminici.

In caso di shock anafilattico e grave angioedema, l'assistenza medica dovrebbe essere fornita entro pochi minuti, altrimenti la morte è possibile.

Prevenire le allergie ai farmaci è condurre test, chiarire la storia. Le iniezioni endovenose e intramuscolari dovrebbero essere poste solo in istituti medici.

Cos'è un'allergia ai farmaci

L'allergia alla droga (LA) non è un effetto collaterale del farmaco - è una reazione individuale dell'organismo al farmaco.

Cos'è?

Allergie ai farmaci - una reazione allergica causata dall'intolleranza individuale del corpo di qualsiasi componente del farmaco ottenuto, e non dalla sua azione farmacologica.

Caratteristiche di sviluppo:

  • può svilupparsi a qualsiasi età, ma gli individui sono più sensibili dopo 30 anni;
  • negli uomini si verifica 2 volte meno frequentemente che nelle donne;
  • spesso si verifica in individui con una predisposizione genetica alle allergie, in pazienti con malattie fungine e allergiche;
  • lo sviluppo nel periodo di cura della malattia contribuisce al suo decorso più grave. Le malattie allergiche sono particolarmente difficili in questo caso. Persino la morte o l'invalidità del paziente non sono escluse;
  • può verificarsi in persone sane che hanno un costante contatto professionale con i farmaci (nella produzione di droghe e operatori sanitari).

Caratteristiche distintive delle reazioni allergiche:

  1. non assomigliano all'azione farmacologica del farmaco;
  2. non sviluppare al primo contatto con i farmaci;
  3. richiedere una precedente sensibilizzazione del corpo (lo sviluppo di ipersensibilità al farmaco);
  4. per il loro verificarsi di una quantità minima di farmaci è sufficiente;
  5. ri-verificarsi con ogni contatto successivo con il farmaco.

patogenesi

Farmaci per la maggior parte - composti chimici che sono più semplici della struttura delle proteine.

Per il sistema immunitario, questi farmaci non sono antigeni (sostanze estranee per il corpo che possono causare la formazione di anticorpi).

Gli antigeni difettosi (apteni) possono essere:

  • farmaco invariato;
  • impurità (sostanze aggiuntive);
  • prodotti di degradazione del farmaco nel corpo.

Svolgere il ruolo di antigene, causare una reazione allergica, il farmaco può solo dopo determinate trasformazioni:

  • la formazione di una forma capace di legarsi alle proteine;
  • collegamento con proteine ​​di questo organismo;
  • risposta immunitaria - la formazione di anticorpi.

La base di LA è lo sviluppo dell'ipersensibilità del corpo all'antigene risultante a causa della mutata reattività immunitaria del corpo.

La reazione si sviluppa principalmente dopo il ricevimento ripetuto del farmaco (o del suo componente) nel corpo.

Le cellule speciali (immunocompetenti) la riconoscono come una sostanza estranea, si formano complessi antigene-anticorpo che "innescano" lo sviluppo di allergia.

Antigeni a pieno titolo in grado di causare reazioni immunitarie senza trasformazione sono pochi farmaci:

  • sieri medicinali;
  • ormoni;
  • immunoglobuline

Il verificarsi di ipersensibilità è influenzato da fattori:

  • proprietà del farmaco stesso;
  • metodo di somministrazione del farmaco;
  • uso a lungo termine della stessa droga;
  • uso combinato di droghe;
  • la presenza di malattie allergiche;
  • patologia endocrina;
  • infezioni croniche.

Lo sviluppo della sensibilizzazione è particolarmente sensibile ai pazienti con cambiamenti nell'attività degli enzimi, con patologia epatica in violazione della sua funzione, in violazione dei processi metabolici.

Questo spiega il verificarsi di reazioni al farmaco, che per un lungo periodo è stato ben tollerato.

La dose del farmaco che è entrato nel corpo non influenza lo sviluppo della LA: può comparire in alcuni casi dopo l'inalazione del vapore del farmaco o la sua quantità microscopica.

Più sicuro è il farmaco interno.

Quando applicato localmente sviluppa la sensibilizzazione più pronunciata.

Le reazioni più gravi si verificano quando i farmaci per via endovenosa.

Pseudoforms

Ci sono ancora reazioni pseudoallergiche, secondo le manifestazioni cliniche, possono assomigliare ad una vera allergia (shock anafilattico).

Caratteristiche distintive della pseudo-forma:

  • può svilupparsi già al primo contatto con il farmaco, senza richiedere un periodo di sensibilizzazione;
  • i complessi immunologici di antigene-anticorpo non sono formati;
  • l'insorgenza di pseudo-allergia è associata al rilascio di una grande quantità di sostanza biologicamente attiva istamina sotto l'azione della preparazione ottenuta;
  • lo sviluppo della reazione contribuisce alla rapida introduzione del farmaco;
  • i test antidroga preliminari sono negativi.

Una conferma indiretta della pseudo-forma è l'assenza di allergie nel passato (cibo, droga, ecc.).

Contribuire al suo verificarsi può:

  • reni e malattie del fegato;
  • disturbi dello scambio;
  • infezioni croniche;
  • ricevuta eccessiva irragionevole di farmaci.

Sintomi di allergia

Le manifestazioni cliniche sono divise in 3 gruppi:

  1. reazioni acute: si verificano istantaneamente o entro 1 ora dopo che il farmaco entra nel corpo; questi includono orticaria acuta, angioedema, shock anafilattico, anemia emolitica acuta, un attacco di asma bronchiale;
  2. reazioni subacute: svilupparsi entro 1 giorno dopo aver ricevuto il farmaco; caratterizzato da cambiamenti patologici nel sangue;
  3. reazioni di tipo protratto: svilupparsi alcuni giorni dopo l'uso del farmaco; manifestato sotto forma di malattia da siero, lesioni allergiche delle articolazioni, organi interni, linfonodi.

Una caratteristica distintiva dell'aeromobile è l'assenza di specifiche manifestazioni caratteristiche di un particolare farmaco: lo stesso sintomo può comparire in caso di ipersensibilità a diversi farmaci e lo stesso farmaco può causare diverse manifestazioni cliniche.

La febbre prolungata e irragionevole è l'unica manifestazione di una reazione allergica.

Le manifestazioni cutanee differiscono nel polimorfismo: le eruzioni cutanee sono molto diverse (macchie, noduli, vesciche, vesciche, arrossamento della pelle).

Possono assomigliare a eczema, lichene rosa, diatesi essudativa.

orticaria

Si manifesta con la comparsa di vesciche che assomigliano a una bruciatura di ortica o una puntura d'insetto.

Intorno all'elemento rash può essere una corolla rossa.

I blister possono unirsi, cambiare dislocazione.

Dopo la scomparsa dell'eruzione non lascia alcun residuo.

Può ripresentarsi anche senza l'uso ripetuto del farmaco: la ragione di ciò potrebbe essere la presenza di antibiotici nei prodotti alimentari (ad esempio nella carne).

angioedema

Gonfiore improvviso e indolore della pelle con tessuto sottocutaneo o mucose.

Non è accompagnato da prurito. Si sviluppa più spesso sul viso, ma può apparire su altre parti del corpo.

Particolarmente pericolosi sono l'edema laringeo (che può portare al soffocamento) e il gonfiore del cervello (accompagnato da mal di testa, crampi, delirio).

Foto: Quincke Edema

Shock anafilattico

La reazione acuta più grave alla reintroduzione del farmaco.

Si sviluppa nel primo o secondo minuto dopo che il farmaco entra nel corpo (a volte si manifesta dopo 15-30 minuti).

I sintomi di esso sono:

  • forte calo di pressione;
  • aumentati disturbi del ritmo cardiaco e disturbi;
  • mal di testa, vertigini;
  • dolore al petto;
  • menomazione della vista;
  • grave debolezza;
  • dolore addominale;
  • disturbo della coscienza (fino al coma);
  • manifestazioni cutanee (orticaria, gonfiore della pelle, ecc.);
  • sudore freddo appiccicoso;
  • broncospasmo con insufficienza respiratoria;
  • minzione involontaria e defecazione.

In assenza di pronta assistenza di emergenza, il paziente potrebbe morire.

Anemia emolitica acuta

O "anemia" causata dalla distruzione dei globuli rossi.

Sintomi manifestanti:

  • debolezza, vertigini;
  • giallo della sclera e della pelle;
  • fegato e milza ingrossati;
  • dolore in entrambi gli ipocondri;
  • palpitazioni.

reazione di droga

Ha una vasta gamma di lesioni cutanee:

  • macchie;
  • noduli;
  • bolle;
  • vesciche;
  • emorragie petecchiali;
  • ampie chiazze di arrossamento della pelle;
  • peeling, ecc.

Una delle varianti della reazione è l'eritema del 9 ° giorno (l'aspetto del rossore maculato o diffuso della pelle, che compare il 9 ° giorno dell'uso del farmaco).

Foto: Toxidermia macchiata

Sindrome di Lyell

La forma più grave di pelle e mucose allergiche.

Consiste in necrosi (necrosi) e rigetto di ampie aree con formazione di una superficie erosa fortemente dolorosa.

Può svilupparsi diverse ore (o settimane) dopo il trattamento.

La gravità della condizione aumenta molto rapidamente.

sviluppa:

  • la disidratazione;
  • l'adesione di infezione con lo sviluppo di shock tossico-infettivo.

La mortalità raggiunge il 30-70%. Esito particolarmente sfavorevole nei bambini e nei pazienti anziani.

Quali farmaci possono dare una reazione

LA può svilupparsi su qualsiasi farmaco, escludendo i farmaci antiallergici.

I più "pericolosi" in termini di frequenza di sviluppo di LA sono i farmaci:

  • antibiotici penicillina;
  • droghe sulfuree (Biseptolo, Trimetoprim, Septrin);
  • farmaci anti-infiammatori non steroidei (Diclofenac, Nimed, Nimesil, Aspirina, Naklofen, ecc.);
  • Vitamine del gruppo B;
  • vaccini (spesso tetano) e siero;
  • immunoglobuline;
  • preparati contenenti iodio;
  • analgesici (antidolorifici);
  • abbassando la pressione sanguigna.

È importante! C'è un'intolleranza "incrociata" alle droghe che hanno somiglianze nelle proprietà allergeniche o nella struttura: per esempio, tra Novocaina e sulfamidi, un'allergia ai farmaci anti-infiammatori può anche comparire sui coloranti nelle capsule gialle di altri farmaci.

Manifestazioni di pseudo-forme spesso provocano:

  • sostanze radiopache;
  • anestetici (Lidocaina, Novocaina, Analgin);
  • farmaci anti-infiammatori (Aspirina, Amidopirina);
  • Vitamine del gruppo B;
  • tetracicline;
  • sostanze stupefacenti;
  • penicilline;
  • sulfamidici;
  • sostituti del sangue (destrano);
  • antispastici (no-shpa, papaverina).

Video: antistaminici

Quanto tempo dopo aver preso la reazione alla droga

Le manifestazioni di LA possono svilupparsi immediatamente dopo la somministrazione (assunzione) di un farmaco o sono ritardate (dopo diverse ore, giorni, settimane), quando è difficile associarne l'aspetto con un precedente trattamento.

Reazioni immediate:

  • orticaria;
  • edema allergico;
  • shock anafilattico.

La reazione immediata con un'eruzione cutanea può ricevere un'ulteriore risposta del sistema immunitario - lo sviluppo di shock anafilattico dopo un po '.

Reazioni lente:

  • cambiamenti nella composizione del sangue;
  • aumenti di temperatura;
  • dolore articolare o poliartrite;
  • orticaria;
  • epatite allergica (infiammazione del fegato);
  • vasculite (danni ai vasi sanguigni);
  • nefrite allergica (danno renale);
  • malattia da siero.

Durante il primo ciclo di trattamento con antibiotici, la LA può manifestarsi non prima di 5-6 giorni (se non vi è alcuna allergia nascosta), ma può anche richiedere 1-1,5 mesi.

Quando il corso viene ripetuto, la reazione appare immediatamente.

Perché è importante dire ai medici della tua intolleranza

Dato che la reazione allo stesso farmaco può verificarsi quando viene riutilizzata, anche con un intervallo di diversi anni in uso, un medico di qualsiasi specialità deve essere avvertito dell'intolleranza ai farmaci.

Sul frontespizio della scheda ambulatoriale, è anche necessario fare un segno rosso sul nome dei farmaci che causano la reazione.

Foglio con lo stesso record si consiglia di inserire il passaporto.

È necessario conoscere esattamente il nome (se installato) di un medicinale intollerabile in modo che il medico possa tenere conto della possibilità di sviluppare un aeromobile cross-section.

Quali sono i sintomi di allergia agli antibiotici? La risposta è qui

Come essere in odontoiatria

Circa il 25% delle persone soffre di intolleranza agli antidolorifici, il che complica enormemente il trattamento di malattie che richiedono un intervento chirurgico.

I problemi sorgono con protesi, rimozione e odontoiatria.

Alcune procedure in pazienti di odontoiatria possono resistere.

Esistono metodi alternativi per alleviare il dolore.

Per la loro selezione e condotta, sono necessari la consultazione di un allergologo e test di laboratorio.

Aiuteranno a identificare l'anestetico a cui non c'è reazione.

Se esiste qualsiasi tipo di sensibilizzazione, e non solo LA, si raccomanda di pre-condurre test per anestetici, poiché le conseguenze della reazione sviluppata possono essere pericolose per la vita.

In caso di intolleranza di tutti gli anestetici (secondo i test), un corso preliminare di farmaci antiallergici è prescritto da un medico.

In alcuni casi (se hai bisogno di un intervento dentistico serio), dovresti scegliere una clinica con possibilità di anestesia generale o anestesia combinata.

Prima di questo, è necessaria anche la consultazione con un medico.

Vale la pena notare che la sensibilità agli antibiotici non significa una reazione a tutti i farmaci.

Come trattare questa malattia

Se hai sintomi di Los Angeles, dovresti chiamare un'ambulanza o consultare un medico.

Nei casi più gravi, il trattamento viene eseguito in ospedale (o anche nell'unità di terapia intensiva).

Il trattamento delle allergie ai farmaci inizia con l'abolizione del farmaco.

Se un paziente ha ricevuto diversi farmaci, tutti saranno fermati.

La terapia farmacologica dipende dalla gravità della reazione.

Con una leggera severità della reazione, vengono prescritte pillole per l'allergia ai farmaci, tenendo conto della loro tollerabilità in precedenza:

Il medico darà la preferenza a farmaci con attività antiallergica pronunciata e una quantità minima di effetti collaterali.

Questi farmaci includono:

  • Tseritizin;
  • Aerius;
  • Telfast;
  • Fliksonaze;
  • desloratadina;
  • Rhinital;
  • Fexofenadine e altri).

Se la condizione non migliora, con lo sviluppo di una lesione allergica degli organi interni, il medico può prescrivere un glucocorticoide compresse o iniettabile (Prednisone, desametasone).

In caso di reazioni gravi, i corticosteroidi vengono utilizzati in grandi dosi ogni 5-6 ore.

Nel trattamento di tali pazienti includono:

  • disintossicazione generale;
  • restauro di elettroliti e bilancio acido-base;
  • mantenimento della emodinamica (normale circolazione sanguigna).

Con massicce lesioni della pelle al paziente forniscono condizioni sterili.

Spesso allo stesso tempo si sviluppa o c'è il rischio di aderire all'infezione.

La scelta dell'antibiotico si basa sulla possibile forma incrociata.

Le aree interessate della pelle sono trattate:

  • antisettici;
  • oli (olivello spinoso, rosa canina).

Trattamento mucoso:

  • decotto di camomilla;
  • soluzione di acqua blu.

La terapia combinata include una dieta speciale:

  • restrizione della carne affumicata;
  • sottaceti;
  • spezie;
  • dolci.

Si raccomanda l'uso di grandi quantità di acqua.

diagnostica

La diagnosi si basa sui seguenti criteri:

  • la comparsa di manifestazioni cliniche dopo l'uso del farmaco;
  • predisposizione genetica
  • somiglianza di sintomi con altre malattie allergiche;
  • la presenza nel passato di reazioni simili a un farmaco con una composizione o struttura simile;
  • scomparsa delle manifestazioni (o miglioramento evidente) dopo la sospensione del farmaco.

La diagnosi in alcuni casi (con l'uso simultaneo di un numero di farmaci) è difficile quando non è possibile stabilire in modo affidabile e accurato la relazione dell'insorgenza dei sintomi con un farmaco specifico.

Nei casi in cui l'origine dei sintomi non è chiara, o il paziente non sa quale farmaco è stato precedentemente una reazione, vengono utilizzati metodi diagnostici di laboratorio (rilevazione di anticorpi IgE specifici ai farmaci).

Il livello di IgE può essere determinato mediante ELISA e con l'aiuto del test radio-allergosorbente.

Elimina il rischio di complicazioni, ma è meno sensibile e richiede attrezzature speciali.

Tuttavia, l'imperfezione dei test di laboratorio non consente un risultato negativo con la certezza del 100% di escludere la probabilità di ipersensibilità al farmaco. L'affidabilità dello studio non supera l'85%.

I test cutanei per la conferma della LA nel periodo acuto non vengono utilizzati a causa dell'alto rischio di allergie gravi.

Sono anche controindicati in presenza di shock anafilattico in passato, nei bambini sotto i 6 anni di età, durante la gravidanza.

prevenzione

Lo sviluppo di LA è difficile da prevedere.

È necessario abbandonare l'uso irragionevole di farmaci, spesso scelti nell'ordine di automedicazione.

L'assunzione simultanea di diversi farmaci contribuisce all'emergere di sensibilizzazione e successiva LA.

Il farmaco non deve essere usato in questi casi:

  • il farmaco ha causato (mai) in precedenza una reazione allergica;
  • test positivo (anche se al paziente non era stato precedentemente prescritto il farmaco); è posto non prima di 48 ore. prima dell'uso, perché La sensibilizzazione può cambiare, sebbene il test stesso possa portare a sensibilizzazione.

In caso di emergenza, in presenza di queste controindicazioni, viene effettuato un test provocatorio, che consente desensibilizzazione accelerata (misure correttive per ridurre l'ipersensibilità al farmaco) quando compaiono i sintomi.

I test provocatori hanno un alto rischio di sviluppare una risposta immunitaria grave, motivo per cui sono estremamente rari, solo nei casi in cui il paziente debba essere trattato con un farmaco per il quale aveva precedentemente avuto un aereo.

Questi test vengono eseguiti solo in ospedale.

Per evitare una reazione allergica acuta, si raccomanda di:

  • Se possibile, le iniezioni di farmaci dovrebbero essere fatte nell'arto, così che quando compaiono manifestazioni di intolleranza al farmaco, ridurre il tasso di assorbimento applicando un laccio emostatico;
  • dopo l'iniezione, il paziente deve essere sotto osservazione per almeno 30 minuti. (per cure ambulatoriali);
  • Prima di iniziare un ciclo di trattamento (specialmente con antibiotici), è consigliabile eseguire test cutanei, con medicinali (kit anti-shock) per fornire assistenza di emergenza per lo sviluppo di una reazione acuta e personale sufficientemente preparato: prima eseguire un test di gocciolamento, poi (se negativo) - scarificazione; in alcuni casi, dopo aver messo il test intracutaneo.

I pazienti con LA, è controindicato il trattamento con questo farmaco per tutta la vita.

La probabilità di una reazione in qualsiasi persona è molto alta.

Ciò contribuisce non solo al diffuso utilizzo di prodotti chimici domestici, ma anche al diffuso autotrattamento.

Allo stesso tempo, i pazienti sono guidati da informazioni provenienti da Internet e utilizzano l'opportunità di acquistare medicinali senza prescrizione medica.

Quali sono i sintomi delle allergie di gatto? Più nell'articolo.

Cosa fare se si è allergici all'alcol? Leggi oltre.

LA può avere conseguenze per tutta la vita e persino essere fatale. Essere trattati senza consultare un medico è pericoloso!

Allergia alle pillole

Allergia, cioè la reazione specifica dell'immunità a certe sostanze - questo è un fenomeno abbastanza comune, che colpisce metà della popolazione del pianeta. Gli allergeni sono in grado di entrare nel corpo in vari modi: attraverso la pelle, il tratto respiratorio o il tubo digerente.

Ci sono un gran numero di provocatori di una reazione negativa dell'organismo, tra i quali uno dei primi posti è un'allergia ai farmaci. I farmaci possono portare effetti sia positivi che negativi, quindi una reazione allergica ai farmaci è un problema comune.

I farmaci farmaceutici aiutano a sbarazzarsi di molte malattie, migliorando significativamente le condizioni generali. Ma spesso, soprattutto di recente, si possono sviluppare reazioni allergiche a molti farmaci, che sono espressi da vari sintomi e richiedono la sostituzione immediata del farmaco. Sul motivo per cui questo problema si verifica e su come trattare le allergie ai farmaci, qualsiasi allergologo lo sa, ma permettici di dare un'occhiata più da vicino a questo problema.

Cause di allergia alle pillole

Ci sono 2 categorie di persone che soffrono di allergie ai farmaci:

  1. Le persone che usano prodotti farmaceutici per il trattamento di varie malattie. Dopo il primo utilizzo del farmaco, non si verificherà una reazione allergica. Affinché i sintomi di allergia appaiano, è necessario l'uso ripetuto o anche più lungo di farmaci con la stessa azione farmacologica. E tra i farmaci c'è una sensibilizzazione, e anche gli anticorpi stanno appena iniziando a essere prodotti.
  2. Persone in contatto con farmaci Questa categoria comprende tutti i lavoratori in campo medico e farmaceutico. A causa delle manifestazioni di allergia, queste persone devono cambiare la loro specialità.

Tutti i farmaci possono causare una reazione allergica, ma dopo aver assunto determinati gruppi di farmaci, la probabilità di sviluppare allergie è più alta. I farmaci per i quali si verifica la reazione aggressiva dell'immunità spesso includono:

  • antibiotici penicillina. Questi farmaci sono usati abbastanza spesso, quindi le allergie a loro non sono considerate non comuni. I sintomi di solito sono abbastanza difficili;
  • farmaci che alleviano il dolore e l'infiammazione. Aspirina e compresse simili, che sono familiari a tutti, sono anche a rischio;
  • droghe che entrano nel sangue. Vari vaccini e sieri sono composti proteici e, come sapete, le proteine ​​estranee sono la causa più comune di reazioni allergiche;
  • medicinali contenenti iodio;
  • farmaci a base di barbiturici;
  • preparazioni farmacologiche per l'anestesia locale.

Spesso le allergie ai farmaci provocano eccipienti, che fanno parte di molte medicine.

Fattori che provocano allergie alle compresse

Nel mondo moderno, è semplicemente impossibile fare a meno di droghe e cosmetici, e tutto questo va bene, se con moderazione. Ma alcune persone prescrivono vari farmaci che vengono spesso pubblicizzati in TV. E più le pillole diverse consumano una persona, maggiore è la probabilità di una reazione allergica. Pertanto, è impossibile abusare di droghe, in particolare di antibiotici. Ci sono diversi fattori che aumentano la probabilità di allergie alle compresse più volte:

  • propensione a sviluppare altri tipi di allergie;
  • fattore genetico;
  • l'uso della terapia farmacologica continuamente, per lungo tempo;
  • utilizzare contemporaneamente diversi farmaci;
  • la presenza di malattie fungine;
  • l'uso di grandi quantità di farmaci in eccesso rispetto al normale dosaggio.

È necessario tener conto del fatto che l'allergia ai farmaci si verifica più spesso nelle donne di età compresa tra 30 e 50 anni.

Tipi di allergie ai farmaci

Le reazioni allergiche ai farmaci possono essere di diversi tipi:

  1. I sintomi di una reazione allergica si manifestano entro 60 minuti dall'assunzione del farmaco. Questo tipo di allergia può portare a angioedema, anafilassi o anemia emolitica.
  2. Segni di allergie diventano visibili entro 24 ore dopo l'assunzione delle pillole. Spesso ci sono cambiamenti nel sangue, a causa dei quali peggiora la sua coagulazione. Il corpo diventa più suscettibile agli effetti di vari batteri e si verifica uno stato febbrile.
  3. I sintomi di una reazione allergica possono verificarsi dopo un lungo periodo di tempo, che si tratti di giorni o addirittura settimane. In questo caso, il paziente può sperimentare malattie degli organi interni o vasi, così come l'infiammazione dei linfonodi. In presenza di questo tipo di allergia, è spesso difficile determinare la causa della reazione allergica.

C'è una pseudo-allergia alle droghe. Una caratteristica di tali reazioni pseudoallergiche è che i sintomi compaiono all'istante, l'immunità non ha il tempo di familiarizzare con la sostanza estranea e di pensare alla risposta. La reazione si verifica quando la prima iniezione del farmaco nel corpo, in particolare con il metodo endovenoso.

La gravità dei sintomi dipende dalla quantità di farmaco somministrato, che non è il caso di una normale allergia. L'intensità della reazione dipende dal tasso di somministrazione del farmaco. È impossibile distinguere una falsa allergia da una vera allergia.

Al fine di evitare reazioni pseudoallergiche, è necessario intervistare il paziente, scoprendo se ha reazioni negative a qualsiasi farmaco.

Sintomi di un'allergia alle pillole

Poiché le allergie ai farmaci oggi non sono rare, è necessario sapere quali sintomi si presentano quando c'è un tale problema. E non confondere gli effetti collaterali o il sovradosaggio di pillole con segni allergici. Prima di assumere qualsiasi farmaco, è necessario familiarizzare con i suoi effetti collaterali, e se si verificano, sarà necessario annullare il farmaco e la selezione della sua controparte. Il superamento del dosaggio di qualsiasi agente farmacologico porterà ad avvelenamento, i cui sintomi dipenderanno dai componenti del farmaco.

I sintomi di una reazione allergica alle pillole possono manifestarsi in modi diversi e spesso scompaiono da soli dopo la sospensione del farmaco. Ma in alcuni casi potrebbe essere necessario fornire assistenza medica di emergenza. Di solito, dopo l'assunzione del farmaco, si verificano i seguenti sintomi allergici:

  • manifestazioni cutanee: arrossamento, orticaria, rash, vesciche;
  • le manifestazioni cutanee sono accompagnate da un forte prurito;
  • bruciore della pelle, si sente simile alle ustioni;
  • rinite allergica;
  • tosse secca;
  • indigestione, che consiste in dolori all'addome, coliche, diarrea, flatulenza;
  • cambio nelle feci (diarrea, stitichezza).

A seconda di quali pillole hanno causato la reazione allergica, il paziente potrebbe comunque presentare alcuni sintomi:

  1. Polipi nel naso
  2. Infiammazione purulenta
  3. Congestione nasale
  4. Il muco trasparente viene secreto dal naso.
  5. L'olfatto è ridotto.
  6. Mal di testa, debolezza.
  7. Esagoni di soffocamento.
  8. Mancanza di respiro, respiro intermittente.

Se non si avvia un trattamento tempestivo, possono verificarsi attacchi di asma. Mancanza di respiro, respiro sibilante e fischi durante la respirazione, che possono acquisire lo stato asmatico, iniziano a svilupparsi. Quando compaiono i primi sintomi, dovresti consultare immediatamente un medico. Se ciò non viene fatto e l'uso di pillole è continuato, allora i sintomi del prossimo attacco allergico saranno già più pronunciati. Nei casi più gravi possono verificarsi shock anafilattico o angioedema.

Pronto soccorso per allergie ai farmaci

Quando i sintomi di una reazione allergica alle pillole si trovano in se stessi e se non portano una seria minaccia alla vita, allora si può ridurre in modo indipendente i loro effetti sul corpo. Per fare questo, prima di tutto, dovresti calmarti e andare in panico. Se le allergie manifestano eruzione cutanea, è necessario:

  • fare una bella doccia;
  • indossare cose dai materiali naturali;
  • essere a riposo, seduto o sdraiato;
  • applicare un unguento o crema sulle zone danneggiate della pelle e bere una pillola di allergia.

Se c'è difficoltà nella respirazione o nel gonfiore, allora è necessario chiamare un'ambulanza, provare a ripristinare la respirazione e assumere un farmaco antistaminico. Liberarsi dal respiro sibilante aiuterà il broncodilatatore, che espande le vie respiratorie, può aiutare ad inserire l'adrenalina. Se c'è una sensazione di debolezza o vertigini, si raccomanda di sdraiarsi in una posizione tale che le gambe siano sopra la testa.

Tutte le medicine sono selezionate dal medico curante, l'autotrattamento può portare al deterioramento e all'emergenza di un nuovo, ma più forte, attacco allergico.

Allergia ai farmaci

Allergia ai farmaci - una reazione allergica causata da vari componenti dei farmaci. Oggigiorno, l'allergia alle droghe è un problema pressante non solo per le persone allergiche, ma anche per i medici che le trattano, perché sono direttamente responsabili dell'appuntamento di ciascun farmaco. Molto spesso le persone assumono medicinali da soli, facendo affidamento sui consigli ricevuti dalla pubblicità televisiva sul trattamento di una particolare malattia. Il più grande pericolo e rappresentano solo tali farmaci, e vengono rilasciati nelle farmacie senza prescrizione medica. In quasi il 90% delle persone sensibili a questa manifestazione allergica, le allergie indotte da farmaci sono causate da antibiotici da banco (cefuroxima, penicillina), sulfamidici (biseptolo, septrina, trimetoprim) o aspirina regolare.

L'allergia ai farmaci nei bambini non è un effetto collaterale di un particolare farmaco. In sostanza, questa è una reazione causata dall'intolleranza individuale di una particolare sostanza medicinale. Lo sviluppo di una reazione allergica non dipende affatto dalla quantità di farmaco nel corpo, dal momento che per lo sviluppo di una reazione allergica, è sufficiente una quantità veramente microscopica di un farmaco allergico, che a volte è decine di volte inferiore alle solite dosi terapeutiche prescritte. In alcuni casi, per lo sviluppo di allergia, è sufficiente che una persona inali il vapore del farmaco.

Nella stragrande maggioranza dei casi, l'allergia ai farmaci si sviluppa solo dopo un contatto ripetuto con il componente del farmaco che provoca il suo sviluppo, mentre al primo contatto di immunità con il farmaco si verifica un periodo di sensibilizzazione.

Cause di allergia ai farmaci

Diverse persone hanno allergie ai farmaci. In un caso, si tratta di una malattia puramente professionale che si sviluppa in persone completamente sane a seguito di un contatto prolungato con farmaci ed è spesso causa di invalidità parziale o totale. Il più delle volte, l'allergia ai farmaci professionale è osservata nelle persone impegnate nella produzione di farmaci e operatori sanitari. In un altro caso, l'aeromobile funge da complicazione del trattamento terapeutico di una particolare malattia (spesso di natura allergica) e aggrava significativamente il suo decorso e può causare sia l'invalidità e la morte di un paziente.

Secondo le statistiche del centro per lo studio dello sviluppo degli effetti collaterali dopo l'assunzione di farmaci, è stato riscontrato che in oltre il 70% dei casi registrati, l'allergia è un effetto collaterale sui farmaci. Secondo i dati della maggior parte dei paesi partecipanti, l'allergia ai farmaci si verifica in più del 10% dei pazienti e queste cifre aumentano solo annualmente.

Il più spesso LA è osservato in donne, in un rapporto a uomini 2: 1. I residenti delle aree rurali hanno meno probabilità di soffrire di allergie ai farmaci. Molto spesso, LA è osservata in persone che hanno superato il limite di età di trenta anni. La risposta allergica più comune si verifica dopo l'assunzione di farmaci anti-infiammatori non steroidei, sulfonamidi, antibiotici e anche dopo i colpi di tetano. Inoltre, va notato che lo stesso farmaco LA può svilupparsi nuovamente anche dopo molti anni dal momento del primo caso.

I pazienti che assumono farmaci a lungo termine e i lavoratori dell'industria farmaceutica sono a maggior rischio di sviluppare allergia ai farmaci. Spesso LA è osservata in persone geneticamente predisposte, così come in pazienti con malattie allergiche e fungine.

Le immunoglobuline, i vaccini e i preparati sierici sono di natura proteica, quindi sono allergeni perché sono in grado di provocare autonomamente la produzione di anticorpi e quindi li accompagnano nella reazione appropriata. La stragrande maggioranza dei farmaci esistenti sono i cosiddetti apteni, vale a dire sostanze che acquisiscono le loro proprietà antigeniche solo dopo la combinazione con siero o proteine ​​del tessuto. Come conseguenza di questa reazione, si verifica la formazione di anticorpi che, quando reiniettati nel corpo dell'antigene, formano il complesso antigene-anticorpo, che innesca la reazione allergica. Le allergie alle droghe, in linea di principio, possono causare qualsiasi droga, e sfortunatamente anche quelli che hanno a che fare con essa!

Pseudo-allergia alla droga

In alcuni casi, dopo aver assunto un determinato farmaco, può svilupparsi una reazione allergica falsa, nei suoi sintomi è molto simile ai sintomi dello shock anafilattico. Nonostante la somiglianza dei sintomi con le allergie ai farmaci, non si verifica una reazione di sensibilizzazione allergica al farmaco e, di conseguenza, la reazione antigene-anticorpo non si sviluppa. In questo caso, c'è un rilascio non specifico di mediatori di tipo istamina e sostanze simili all'istamina.

La pseudoallergia della droga, a differenza di una vera LA, può svilupparsi già dopo la prima dose del farmaco e, con un'introduzione piuttosto lenta del farmaco, la reazione è estremamente rara, dal momento che la concentrazione nel sangue della sostanza iniettata rimane al di sotto della soglia critica, mentre la velocità di rilascio dell'istamina non aumenta. In caso di pseudo-allergie da farmaci, i test allergologici precedentemente condotti per la futura somministrazione del farmaco danno un risultato negativo.

Sostituti del sangue (destrano), alcaloidi (papaverina), oppiacei, desferali, polimixina B, no-spa, ecc., Possono essere provocatori di rilascio di istamina.Il segno indiretto di una reazione pseudo-allergica è l'assenza di una storia allergica aggravata. Uno sfondo favorevole per lo sviluppo di pseudo-allergie ai farmaci sono le infezioni croniche, le malattie del tratto gastrointestinale, la distonia vascolare, le malattie del fegato e il diabete. Inoltre, lo sviluppo di pseudo-allergia può provocare un'eccessiva somministrazione incontrollata di farmaci.

Allergie ai farmaci - sintomi

Quando i farmaci possono sviluppare le seguenti complicanze e reazioni del corpo:

• Effetti collaterali (dolore addominale, mal di testa, ecc.). Un elenco di tutti i possibili effetti collaterali è riportato nelle istruzioni per ciascun farmaco. Ad esempio, possono verificarsi vertigini e sonnolenza dopo aver assunto antistaminici.

• Reazioni tossiche. Queste manifestazioni si verificano in caso di superamento del dosaggio consentito del farmaco. Molto spesso, reazioni tossiche si sviluppano in pazienti con malattie dei reni e del fegato, poiché in questi casi, un eccesso della dose del farmaco si verifica quando i reni e il fegato sono danneggiati a causa del peggioramento dell'eliminazione dei farmaci dal corpo.

• reazione di cancellazione. Questa reazione si verifica in caso di interruzione del trattamento a lungo termine con alcuni farmaci.

• Effetti secondari. Questi includono lesioni fungine delle mucose, alterata normale microflora intestinale, ecc.

Come si presentano, le allergie alle droghe sono divise in due tipi:

• Immediato. Si verifica quasi immediatamente dopo l'introduzione o la somministrazione della sostanza provocante. Le reazioni immediate comprendono edema allergico, orticaria e shock anafilattico. Nella maggior parte dei casi, tali reazioni si sviluppano dopo somministrazione di penicillina, così come i suoi analoghi. A causa del fatto che gli antibiotici della serie di penicilline hanno una struttura chimica simile, con la comparsa di allergia ai farmaci a uno di essi, può verificarsi una reazione anche ad altri farmaci di questo gruppo. Immediatamente dopo l'introduzione della penicillina, può comparire un'eruzione cutanea, che appare come punti rossi che si alzano sopra la pelle. Sfortunatamente, la risposta allergica del sistema immunitario all'eruzione cutanea potrebbe non essere limitata e dopo un po 'di tempo una reazione molto più seria come lo shock anafilattico potrebbe svilupparsi

• Rallentare. Si verifica dopo alcuni giorni e, di conseguenza, è spesso impossibile stabilire la causa esatta della reazione allergica. Manifestazioni ritardate di allergia ai farmaci nella composizione del sangue, dolore alle articolazioni, orticaria, febbre. Inoltre, alcuni giorni dopo l'assunzione del farmaco, possono verificarsi reazioni come porpora, vasculite allergica, epatite allergica, nefrite allergica, linfoadenopatia, astralgia, poliartrite e malattia da siero.

Allergie ai farmaci - trattamento

Il trattamento dell'allergia ai farmaci in primo luogo dovrebbe iniziare con la completa cessazione del farmaco che ha causato l'allergia. Se al momento il paziente assume un numero di farmaci, dovresti cancellarli tutti, fino all'identificazione del "colpevole" immediato di allergia.

Spesso, i pazienti con allergie ai farmaci manifestano allergie alimentari, a seguito delle quali viene mostrata una dieta ipoallergenica con spezie limitate, carni affumicate, cibi acidi, dolci e salati, oltre a carboidrati. In alcuni casi, l'allergia alimentare comporta la nomina di una dieta di eliminazione, che comporta l'uso di quantità sufficienti di tè e acqua.

Se un paziente ha una leggera allergia, si sente già molto meglio dopo il ritiro del farmaco provocante. Se le allergie sono accompagnate da orticaria e angioedema, è indicato il trattamento con antistaminici (difenidramina, suprastin, tavegil), anche se è necessario tener conto della loro tollerabilità in passato. Se, dopo il trattamento con antistaminici, i sintomi dell'allergia al farmaco non diminuiscono, è indicato l'uso di iniezioni parenterali di glucocorticosteroidi.

Quando si seleziona un antistaminico, il farmaco deve tenere conto delle proprietà di tutti i farmaci in questo gruppo. Un farmaco allergico scelto idealmente, oltre ad un'elevata attività antiallergica, dovrebbe avere un minimo di effetti collaterali se assunto. Gli antistaminici come Erius, Telfast e Cetirizine soddisfano in modo ottimale questi requisiti.

Nelle reazioni allergiche-tossiche, i farmaci di scelta sono i più recenti antistaminici come la fexofenadina e la desloratadina. Se una grave allergia al farmaco è accompagnata dallo sviluppo di lesioni degli organi interni, dermatiti e vasculite, un buon effetto si ottiene assumendo glucocorticosteroidi orali. In caso di danno agli organi interni, tenendo conto della probabilità di reazioni avverse e di anamnesi allergica, viene utilizzata la terapia sindromica.

In caso di manifestazioni allergiche gravi (sindrome di Lyell), il trattamento consiste nell'uso di grandi dosi di glucocorticosteroidi, quando il farmaco viene iniettato ogni 5 ore. In tali casi, il trattamento è obbligatorio effettuato in un'unità di terapia intensiva specializzata, poiché tali pazienti presentano gravi lesioni della pelle e degli organi interni. Inoltre, il trattamento di tali condizioni comporta lo svolgimento di attività volte al ripristino dell'equilibrio acido-base ed elettrolitico, dell'emodinamica e della disintossicazione generale del corpo.

Spesso, insieme a lesioni cutanee tossiche, si osserva lo sviluppo di un processo infettivo, quindi viene anche indicata la prescrizione di antibiotici e la scelta dell'antibiotico perfettamente idoneo è un compito molto difficile, poiché è possibile lo sviluppo di reazioni allergiche crociate.

Ai fini della disintossicazione e nel caso di grandi perdite di liquidi, viene mostrata l'introduzione di soluzioni di sostituzione del plasma. Tuttavia, si dovrebbe tenere presente che queste soluzioni possono anche sviluppare una reazione allergica o pseudo-allergica.

In caso di lesioni cutanee estese, i pazienti vengono trattati in condizioni assolutamente sterili come pazienti ustionati. La pelle interessata viene trattata con olio di olivello spinoso o olio di rosa canina, antisettici, zelenka o blu. In caso di danno alle mucose, le lesioni vengono trattate con emulsione anti-bruciatura, carotolina, perossido di idrogeno. Quando la stomatite utilizzava le infusioni d'acqua con coloranti all'anilina, infusioni di camomilla, ecc.