Search

Punture di insetti - descrizione, sintomi (segni), trattamento.

[Vedi. le suddette sottocategorie di codici incidenti (V01-Y98)]

Non comprende:

  • morsi velenosi (X20-X29)
  • pungiglione (velenoso) (X20-X29)

Non comprende:

  • attacco (X85-Y09)
  • hit soggetto (W20-W22)

Escluso: una caduta a seguito di un pedone (trasporto) in collisione con un altro pedone (trasporto) (W03.-)

Escluso: contatto con animali marini (W56.-)

Un morso o un colpo a un animale marino

Sono inclusi:

  • lucertola
  • il serpente non è velenoso

In Russia, la Classificazione Internazionale delle Malattie della 10a revisione (ICD-10) è stata adottata come documento normativo unico per spiegare l'incidenza, le cause delle chiamate pubbliche alle istituzioni mediche di tutti i reparti, le cause del decesso.

L'ICD-10 è stato introdotto nella pratica dell'assistenza sanitaria in tutto il territorio della Federazione Russa nel 1999 per ordine del Ministero della Sanità della Russia, datato 27 maggio 1997. №170

Il rilascio di una nuova revisione (ICD-11) è pianificato dall'OMS in 2017 2018.

Allergia alle punture di insetti - foto, sintomi, cosa fare, trattamento nei bambini e negli adulti

Oggi, capiremo che cosa è un'allergia alle punture di insetti e come trattarla. Esaminiamo in dettaglio sul sito Web alter-zdrav.ru le cause, i sintomi di una reazione allergica sulla pelle dopo una puntura di insetto, e evidenziare i problemi di diagnosi e prevenzione della malattia.

L'uomo non è sempre in grado di percepire il veleno, che è il risultato di punture di insetti. Penetra nel sangue e contribuisce allo sviluppo di anticorpi che portano allo sviluppo di reazioni allergiche.

La malattia si sviluppa dopo il contatto con insetti pungenti, come api, calabroni, vespe, bombi. L'aspetto dei sintomi può essere anche dopo aver pungente zanzare o pulci, zecche o pidocchi, formiche.

Le allergie alle punture di insetti possono essere osservate sia nei bambini che negli adulti.

Insetti che possono causare allergie

Gli insetti che vivono accanto a una persona, quando vengono morsi, possono causare reazioni allergiche che differiscono l'una dall'altra per gravità.

Dopo essere stati morsi, una piccola area di rigonfiamento con un punto centrale marcato rosso (assomiglia a un bernoccolo in forma) si forma sul corpo umano.

Nelle persone con ipersensibilità a questo veleno dopo 15 minuti, può verificarsi gonfiore nel punto del morso, dolore e febbre.

Questi insetti causano morsi molto dolorosi e sono spesso accompagnati da grandi emorragie sulla pelle. I morsi delle pulci sono solitamente accompagnati da un forte prurito.

Il tipo più comune di "coloni domestici" sono le cimici dei letti, che attaccano il corpo umano durante la notte. Dopo il morso, è possibile osservare l'aspetto delle macchie rosse, che sono molto pruriginose, ma non hanno gonfiore e non fanno male.

Questi parassiti possono causare la malattia di Chagas. È accompagnato da condizioni febbrili e provoca ipertrofia dei linfonodi.

  • I pidocchi e le loro larve sono lendini.

I sintomi delle lesioni cutanee con i pidocchi sono molto simili ai morsi della cimice, ma il morso si trova nella testa (la sua parte pelosa).

  • Api, vespe, bombi.

Questi insetti causano morsi dolorosi. Sono sempre accompagnati da dolore e gonfiore. Molto spesso c'è una puntura nella ferita, deve essere rimossa immediatamente.

Dopo il morso, c'è un gonfiore, che è accompagnato da un forte prurito, mentre c'è un intenso iperemia e aumento della temperatura locale.

Quando hai bisogno di essere particolarmente attento

Secondo i biologi e i medici, le reazioni allergiche più gravi possono causare i morsi di api, vespe, formiche, il loro veleno è ad azione rapida, l'intero complesso dei sintomi può trasformarsi in un quarto d'ora.

Nell'ambito di una normale reazione a una puntura d'insetto, tutti i segni e le manifestazioni devono passare in un giorno, ma se la situazione è solo esacerbata, allora abbiamo a che fare con un'allergia classica.

Soprattutto devi stare attento e cercare aiuto medico in una situazione con più morsi.

Vale anche la pena di mordere il viso, il collo, la lingua, aggiungendo ai sintomi di un grave deterioramento delle condizioni generali - alterazione della respirazione e della deglutizione, crampi, aumento generale della temperatura corporea, aumento della sonnolenza, gonfiore della gola.

IMPORTANTE! Più è stata sviluppata la reazione allergica primaria al veleno di insetti, più è probabile che la situazione si ripresenti con un incidente ripetuto.

Cause di una reazione allergica ai morsi

La base di questo processo patologico è la predisposizione ereditaria. Inoltre, potrebbe esserci un aumento del limite di sensibilità, più è alto, più è probabile lo sviluppo di questa patologia.

Gli insetti hanno la capacità di trasportare vari tipi di sostanze cancerogene e coloranti e possono anche causare lo sviluppo di una reazione allergica.

Aumento della suscettibilità - è la causa principale del processo patologico in corso negli adulti. I bambini ne soffrono molto più spesso a causa della predisposizione genetica.

I sintomi di allergia al morso di insetto

Il quadro clinico, di regola, si sviluppa molto rapidamente, ma a volte i primi segni possono essere osservati dopo molte ore o giorni.

I primi segni di allergia alle punture di insetti sono gonfiore e gonfiore nell'area del morso, che è accompagnata dalla comparsa di arrossamento e prurito. Queste manifestazioni, in casi favorevoli, passano dopo un paio di giorni.

Ma a volte un'allergia sulla pelle dopo una puntura d'insetto è accompagnata da un forte gonfiore. Un adulto è in grado di controllare le proprie azioni e capisce che questo posto non può essere pettinato. Il bambino molto spesso inizia a graffiare la ferita, che porta all'aggiunta di infezione.

Le allergie agli insetti sono spesso accompagnate da una forte diminuzione della pressione, da un aumento della temperatura e dalla comparsa di debolezza.

Se il paziente ha respiro affannoso, una violazione di deglutizione, palpitazioni cardiache, convulsioni, un forte calo della pressione, è necessario consultare un medico. Questi sintomi sono caratteristici dello sviluppo di angioedema o shock anafilattico.

Gli insetti possono essere non solo una fonte di allergeni, ma anche portare infezioni pericolose. Ad esempio, le zanzare possono portare l'agente eziologico della malaria.

Diagnosi di allergia alle punture di insetti, ICD 10

A volte l'ispezione visiva non è sufficiente per determinare la diagnosi. Per una diagnosi più accurata, è necessario contattare il laboratorio medico per l'analisi mediante test allergologici cutanei. Questo ti permette di stabilire la diagnosi.

Lungo la strada, è possibile esaminare il sangue per l'immunoglobulina E. Questo metodo, sebbene non così affidabile, è sicuro.

Nei bambini, la malattia è molto più facile da determinare, a causa del fatto che il loro corpo reagisce più violentemente agli anticorpi estranei.

Codice ICD-10 dell'allergia alle punture di insetti - impostato su W57 o T78.4

W57 Morso o puntura di un insetto non velenoso o altro artropode non velenoso
T78.4 Allergia, non specificata

Pronto soccorso e trattamento dell'allergia al morso di insetti

Il trattamento deve essere complesso, ma a volte viene eseguito con un farmaco. La cosa più importante nel trattamento di questa manifestazione patologica è l'assistenza adeguata alla vittima.

  • Per prima cosa è necessario rimuovere la puntura dalla ferita, poiché questa parte assegna la maggior quantità di veleno.
  • Successivamente, applicare i liquidi refrigeranti sulla zona del morso (una busta piena di ghiaccio o un contenitore con acqua fredda) e applicare una medicazione sterile.
  • Intramuscolarmente per entrare in Prednisolone nella quantità di 75 mg. Questo rimedio riduce il livello di istamina nel sangue.
  • Consigliato come l'uso di antistaminici (Tavegil, Suprastin). Ma la loro dose deve essere concordata con il medico.

Se la malattia ha una natura inespressa, allora prima di andare a fare una passeggiata sulla natura, è possibile usare medicine esterne della serie antistaminica (gel Fenistil).

Nei casi più gravi, si consiglia di:

  • L'epinefrina viene somministrata per bloccare le allergie.
  • Nat. la soluzione viene utilizzata per normalizzare la pressione.
  • Il cloruro di calcio rende il sistema immunitario immune al veleno.
  • Teofillina aiuta con respiro pesante e mancanza di respiro.

Per prevenire la manifestazione di sintomi allergici, il metodo immunoterapico specifico (ASIT) è ora ampiamente utilizzato.

Consiste in un lungo ciclo di iniezione sottocutanea di veleno a dosi molto piccole, che a sua volta assicura lo sviluppo di un'immunità stabile. L'efficacia del trattamento con questo metodo è del 97%.

Più su questo argomento vale la pena dare un'occhiata:

prevenzione

Per evitare lo sviluppo di un processo allergico, è necessario seguire semplici regole e norme di comportamento in natura.

  • Per evitare il contatto con i nidi di insetti, si trovano più spesso in cumuli di terra, tronchi, fessure di alberi, cespugli.
  • Durante le passeggiate in campagna o nelle foreste, è consigliabile indossare abiti a maniche lunghe, evitando di indossare indumenti multicolori brillanti.
  • Non avvicinarti all'apiario, non camminare nemmeno nei campi fioriti e nei giardini, soprattutto con i capelli fluenti, dove gli insetti che impollinano le piante si confondono facilmente, e il profumo floreale dei profumi può provocare azioni aggressive.
  • Quando ti avvicini a un insetto volante, cerca di evitare il panico, un'azione veloce pignola, è meglio ritirarti lentamente.
  • A pranzo, è meglio non assorbire i dolci - frutti fragranti, gelati, dopo aver mangiato tutto viene rapidamente rimosso, in modo che l'ulteriore diffusione degli odori non brilli. Le mani e il viso devono essere lavati dopo succo dolce, frutta.
  • Metti le reti di insetti su finestre e porte, spruzza una piccola quantità di spray per insetti prima di andare a dormire.
  • I serbatoi per i rifiuti della spazzatura devono essere trattati con uno spray speciale.
  • Dall'appartamento o casa è desiderabile rimuovere le piante rampicanti, sono in grado di attirare i parassiti succhiatori di sangue.

Allergia alle punture di insetti - rimedi popolari

Da pungiglione le api possono essere utilizzate foglie di piantaggine. In precedenza dovrebbero essere schiacciati e applicati al punto dolente. Puoi anche usare il suo succo. Si inumidì con un tovagliolo di garza e si impose sulla ferita sotto forma di una benda.

È efficace anche nelle cipolle delle api. I residui finiti impongono la ferita e si fissano con una benda.

Un'alternativa è un'altra pianta da giardino: il prezzemolo. Le foglie fresche vengono applicate direttamente sul sito del morso. Stanno molto bene per alleviare il dolore e rimuovere il gonfiore.

Se sei morso dalle zanzare per evitare il prurito consentirai alcune semplici ricette.

Per fare questo, puoi trattare il morso doloroso con una soluzione di soda. Oppure cuocere la pappa con le foglie di tarassaco e il basilico. È possibile applicare medicazioni con miele e olio d'oliva.

Il rispetto di tutti gli standard preventivi previene lo sviluppo di allergie dopo una puntura d'insetto.

Assioma sgradevole, ma comprensibile - un'allergia alle punture di insetti

Nella stagione calda, il 90% delle persone incontra vari tipi di reazioni, molte delle quali sono associate a creature che volano intorno a noi, spazzolando via il che non dà i risultati desiderati.

Si manifestano in modi diversi e pertanto richiedono un'attenzione speciale da parte di specialisti.

Una reazione allergica a una puntura di insetto è una risposta comune del corpo dopo la penetrazione di speciali sostanze contenute nei fluidi iniettati durante le lesioni.

Procede in modo diverso per tutti, quindi è necessario conoscere tutti i possibili segnali per essere pronti a fornire l'assistenza necessaria.

Posto nella classifica internazionale

Per tutte le malattie esiste una classificazione: consente ai medici di navigare rapidamente nel quadro clinico, prescrivere terapia e medicinali. Il codice ICD 10 per una reazione allergica a una puntura d'insetto dipende dalle conseguenze:

  • dermatite da contatto - L23;
  • orticaria - L50;
  • rinite (come manifestazione di allergia) - J30;
  • disbiosi - K92.8;
  • allergia non specificata - T78.

Tutte le reazioni sono una risposta del sistema immunitario, quindi le manifestazioni sono distribuite in diversi gruppi. Dipendono dai sintomi e dalle caratteristiche della malattia. Ci sono alcune caratteristiche che ti permettono di parlare dello sviluppo della reazione nel corpo. Sono identificati esclusivamente dai test.

Il programma diagnostico utilizza altri metodi per determinare con precisione il tipo di allergia (il suo codice). Diagnosi corretta e tempestiva - la chiave per una lotta efficace con la malattia. È importante ricordare che diversi tipi di allergie nel 90% dei casi richiedono approcci diversi al trattamento, effetti preventivi. È inoltre necessario seguire una serie di regole per ridurre al minimo i sintomi spiacevoli e migliorare la qualità della terapia prescritta.

Qual è la ragione della reazione

Gravi allergie possono verificarsi sui morsi di una grande varietà di insetti. Le risposte più vivide dell'organismo si osservano dopo gli attacchi di api e vespe. Inoltre, la risposta dal sistema immunitario può essere ottenuta da uno qualsiasi degli insetti succhiatori di sangue. Ci possono essere molte ragioni, ma la principale è la peculiarità individuale dell'organismo e la forza dell'immunità, come principale difensore.

La predisposizione ereditaria a un'allergia appartiene anche ai motivi principali. Contribuire inoltre allo sviluppo del problema: scarsa ecologia, malnutrizione e alcune malattie, specialmente se si trovano in uno stadio cronico.

Per veleno di vespe

Uno dei più forti è la manifestazione di allergia alla vespa.

Il principale componente avvelenante - l'allergene contenuto nel veleno aspenico, appartiene alla categoria delle sostanze - le neurotossine. Tutti loro possono causare la paralisi di vari gruppi muscolari, tra cui il cuore, la difficoltà di respirazione e gli effetti sui muscoli.

La ragione principale della risposta negativa è la presenza di deviazioni nella salute - disfunzioni nel corpo (immunità indebolita, presenza di malattie complesse / croniche, predisposizione alla linea genetica). È importante prestare attenzione e consultare immediatamente un medico se:

  • c'è una gravidanza (a tutti i termini);
  • età fino a 18 anni o oltre 60 anni;
  • c'è un'allergia (tipo diverso);
  • malattie croniche o complesse sono registrate nella storia della malattia.

Se non ci sono problemi di salute o altre condizioni speciali, nel 90% dei casi la reazione è espressa in lieve gonfiore e dolore nel luogo in cui è stata introdotta la puntura. Può anche verificarsi l'arrossamento. Tutti i sintomi scompaiono dopo 3-5 ore, a volte un giorno sì e uno no.

Le ragioni sono anche legate al fatto che, oltre alle tossine, il veleno dell'insetto contiene speciali composti proteici - serotonina e bradichinina, che sono altamente allergenici, così come un gran numero di sostanze biologicamente attive aggiuntive che possono provocare una reazione:

  • peptidi;
  • istamina;
  • noradrenalina;
  • alcuni aminoacidi.

Tutte queste sostanze nel complesso possono diventare il principale meccanismo che scatena le allergie. A complicare la situazione è il fatto che il veleno della vespa entra nel sangue quasi istantaneamente, cioè il tipo di allergia in questo caso è immediato.

Sul veleno d'api

La reazione alle punture di api e al veleno penetrato nel sangue è registrata nel 3% di tutti i ricorsi e casi. motivi:

  • la presenza di anticorpi speciali nel corpo (possono accumularsi, se i contatti con le api si prolungano - funzionano nell'apiario);
  • intolleranza ai componenti che fanno parte del veleno d'api.

La composizione del veleno d'api:

  • istamina;
  • acidi organici - formico, cloridrico, ortofosforico;
  • acetilcolina;
  • melitina (provoca infiammazione e distrugge i globuli rossi);
  • noradrenalina;
  • peptidi (componenti proteici) - riducono la coagulazione del sangue.

Anche nella composizione sono presenti e aminoacidi. Pericolo di penetrazione della sostanza - provoca gravi gonfiori.

Sul succhiasangue

Una reazione negativa può verificarsi anche da insetti succhiatori di sangue. Ad esempio, includono:

Fattori comuni

Affinché si verifichi una reazione alle sostanze provenienti dagli insetti, è necessario che diversi fattori coincidano, il che indebolisce il corpo, il sistema immunitario. Questi includono:

  • fattori ereditari;
  • vivere in una grande città;
  • predisposizione genetica;
  • bassa qualità dell'ecologia nella zona di residenza;
  • la presenza nei cibi inclusi nel menu del giorno, un gran numero di agenti cancerogeni, coloranti, impurità.

È anche necessario tenere conto della presenza di malattie o di caratteristiche dell'età - nei bambini e negli anziani il corpo e le sue funzioni protettive sono deboli, quindi le reazioni sono molto più luminose e più lunghe. Caratteristica: ogni successiva puntura di insetti porta a maggiori allergie.

Come distinguere un problema dalle solite conseguenze

È importante distinguere e comprendere i morsi di vari insetti o allergie. Se non ci sono violazioni nel corpo umano, nessuna particolarità nella genetica, quindi nel 90% dei casi i sintomi corrispondono a una reazione normale. Dopo aver iniettato il veleno o la saliva nel sangue, una persona avverte:

  • prurito;
  • l'aspetto di un sigillo sul luogo della lesione;
  • il dolore (può essere acuto o non molto forte - dipende dall'insetto e dalla soglia della sensibilità al dolore).

Appare anche gonfiore e arrossamento. Tutte queste reazioni sono naturali, poiché il corpo inizia ad affrontare il problema. Dopo alcune ore passeranno le manifestazioni, non ci saranno effetti sulla salute.

Nella foto, la solita reazione nei bambini e negli adulti ai morsi di succhia-sangue e altri insetti:

Codifica dell'allergia ICD 10

Nella maggior parte dei casi, la reazione allergica secondo ICD 10 ha il codice T78, tuttavia ci sono delle eccezioni. L'allergia è l'eccessiva attivazione del sistema immunitario in risposta all'esposizione a qualsiasi fattore esterno.

La condizione può essere causata da piante, alimenti, medicinali, prodotti chimici domestici, peli di animali, polvere, punture di insetti, a volte acqua, raggi ultravioletti e molti altri fattori.

Molto spesso, non è possibile determinare in modo affidabile la causa della reazione patologica, il che rende più difficile il trattamento. Inoltre, le manifestazioni di allergie possono anche essere diverse.

L'allergia è nella classificazione internazionale delle malattie del diciannovesimo grado, che comprende lesioni, avvelenamento e altre lesioni causate dall'esposizione a fattori esterni. Il codice di allergia ICD 10 richiede un chiarimento a seconda della risposta del corpo a una sostanza irritante esterna. Il codice principale implica che una persona ha un effetto negativo che non può essere classificato in altre rubriche.

Funzionalità di codifica

Non tutte le reazioni allergiche del corpo umano appartengono alla categoria degli effetti non specificati. L'eccezione è la dermatite, che sono sotto il codice L27.2. Inoltre, questo non include l'orticaria, che è codificata sotto i simboli D50. Una rubrica separata è costituita da condizioni patologiche causate da misure terapeutiche e chirurgiche, che comprendono: allergia ai farmaci (T88.6), malattia da siero (T80.6), anafilassi sotto la somministrazione di siero (T80.5). Sotto un altro codice c'è la febbre da fieno (J30.1).

Nell'ICD 10, una reazione allergica può essere rappresentata dai seguenti codici:

  • T78.0 - shock anafilattico su qualsiasi prodotto alimentare;
  • T78.1 - varie manifestazioni di una reazione allergica al cibo;
  • T78.2 - shock anafilattico senza specificare l'eziologia;
  • T78.3 - angioedema o angioedema;
  • T78.4 è una risposta reattiva non specificata del corpo;
  • T78.8 - una varietà di reazioni che non sono classificate altrove;
  • T78.9 - risposta avversa non specificata del corpo a un fattore esterno.

Per diagnosticare un'eccessiva risposta immunitaria, vengono effettuati test cutanei provocatori con allergeni e altri metodi di ricerca simili. L'identificazione dello stimolo può ridurre il processo patologico o evitare il suo verificarsi. Comunque, il più spesso il paziente è messo l'allergia non specificata. Il trattamento di tale diagnosi non influisce in alcun modo, poiché i protocolli, così come la classificazione, dipendono dal tipo di risposta immunitaria dell'organismo. Ad esempio, angioedema e shock anafilattico sono condizioni urgenti che richiedono la rianimazione. E le solite allergie alimentari si manifestano solo eruzioni cutanee e richiedono l'uso a lungo termine di antistaminici.

Salva il link o condividi informazioni utili nel social. networking

Allergia ai morsi di vespe, api, bombi e calabroni - possibile pericolo

Oggi parleremo di un comune problema estivo: allergia ai morsi di una vespa o di un'ape e di altri insetti pungenti (bombi, calabroni). Imparerai come evitare il contatto con gli insetti e cosa fare se succede una puntura.

L'allergia agli insetti è una malattia molto sgradevole, un attacco che può svilupparsi nel momento più inopportuno, ad esempio quando una persona si trova in una foresta, in un parco, in una dacia, in un'apiario dove è difficile fornire un'adeguata assistenza medica. Tuttavia, a casa non è sempre possibile evitare il morso di un tafano, un'ape o una vespa.

L'allergia alla puntura d'ape e altri imenotteri, secondo l'ICD-10, ha il codice addizionale W56 "Morso o pungiglione da insetti non velenosi e altri artropodi non velenosi".

L'allergia alle punture di api (e altri insetti pungenti) è ereditata?

L'allergia non è una malattia ereditaria. Tuttavia, la probabilità di allergia aumenta significativamente se almeno uno dei genitori soffre di allergie (in questo caso, veleno d'api).

  • Se entrambi i genitori soffrono dello stesso tipo di allergia, la probabilità di sviluppo in un bambino varia dal 60 all'80%.
  • Se entrambi i genitori sono allergici, ma allergici a specie diverse, la probabilità di reazione di un bambino va dal 40 al 60%.
  • Uno dei genitori è malato di allergie - la probabilità di una reazione è dal 20 al 40%.
  • Se i genitori non soffrono di allergie, la probabilità di patologia in un bambino è di circa il 10%.

Oltre alla salute dei genitori, la probabilità di allergie è influenzata da fattori esterni (prima di tutto, lo stile di vita di una persona e lo stato dell'ambiente).

Di seguito esaminiamo i principali insetti pungenti ei sintomi delle allergie ai loro morsi.

Allergia alle punture di api

Le api sono per lo più dipinte di nero con macchie gialle, le dimensioni degli insetti variano da 0,3 cm a 4,5 cm. Vi sono molti tipi di api (circa 21 mila specie). La prevalenza di questi insetti è molto alta - non puoi trovarli se non in luoghi dove non ci sono piante da fiore.

I luoghi tipici per l'insediamento delle api sono cavità, tane, fessure. Per uno sciame, le condizioni principali per un insediamento sono: la presenza di un vicino serbatoio o altra fonte d'acqua, riparo dal vento. Case mansardate o spazi interstiziali possono anche servire da luogo per un alveare. In luoghi con un clima caldo i nidi si possono trovare appesi tra gli alberi.

Livello dell'aggressività: medio.

La puntura: ha una forma seghettata, quindi, rimane nella ferita con un pezzo dell'addome.

La composizione del veleno:

Foto: Il pungiglione di un'ape (tacche caratteristiche visibili)

Come parte del veleno d'api abbastanza sostanze che possono provocare un'allergia, inoltre, è tossico:

  • istamina;
  • melittin;
  • Alamin;
  • ialuronidasi;
  • fospolipaza;
  • altre sostanze (comprese le proteine ​​che aiutano a liberare l'istamina dai mastociti).

I morsi delle api sono una causa abbastanza comune di allergie. Rappresentano circa l'1,5% di tutte le allergie.

Le allergie al veleno delle api possono manifestarsi da alcuni minuti a diverse ore dopo essere stati morsi. Se non vi è alcuna reazione, il morso si manifesta con un leggero dolore e arrossamento della pelle.

Foto: orticaria come possibile manifestazione di una reazione allergica

Sintomi di allergia alle api:

  • arrossamento della pelle su una vasta area,
  • orticaria,
  • tosse
  • rinite allergica,
  • difficoltà a respirare
  • vomito,
  • nausea.

La reazione può svilupparsi fino allo shock anafilattico.

Allergia alla puntura della vespa

Le vespe sono uno degli insetti più aggressivi. La loro "solita" colorazione per le persone è un corpo nero con strisce gialle su di esso. Tuttavia, a seconda del tipo di colore varierà. Le dimensioni delle vespe sono diverse e vanno da 1,5 a 10 centimetri. Caratteristica di questi insetti è la presenza di una "vita" che separa la parte superiore del corpo dall'addome.

Rappresentanti rappresentativi sono: vespe di carta, vespe stradali, vespe reali, vespe (scavo) di sabbia, scolium, tifo, vespe fiorite, calabroni.

I pasti variano in base alla specie. Le vespe non sono mellifere e inoltre spesso sterminano api e bombi.

Per quanto riguarda l '"arma" - la puntura di una vespa ha delle tacche, come quella di un'ape, ma sono più piccole, vale a dire pungere più liscio. Questo permette alle vespe di non lasciarlo nella vittima e pungere ripetutamente. Inoltre, in caso di minaccia, le vespe usano anche le loro mascelle. Il morso della vespa è doloroso.

Livello di aggressività: alto.

Pungiglione: a differenza di un'ape, non ha scheggiature, quindi la vespa non la lascia nella ferita della vittima.

Familiare a tutte le vespe francesi

La composizione del veleno:

  • acetilcolina;
  • istamina;
  • fosfolipasi;
  • ialuronidasi;
  • kinin di vespe.

Con l'inizio dell'autunno, quando il numero di frutti diminuisce, le vespe diventano più attive e il loro livello di aggressività aumenta, quindi aumenta anche la possibilità di essere punti.

In assenza di allergie, la persona avverte dolore al sito del morso, un leggero rigonfiamento dei tessuti e il loro arrossamento.

L'allergia alla puntura di vespa è accompagnata da:

  • forte dolore al sito del morso,
  • gonfiore dei tessuti,
  • rossore su una vasta area.

Nei casi più gravi, la reazione si manifesta con febbre, confusione, allucinazioni.

Una vespa muore dopo un morso?

No. A differenza dell'ape, che lascia la puntura nella ferita e un frammento dell'addome con una parte degli organi, la puntura della vespa si attacca abbastanza saldamente all'addome. Per questo motivo, la vespa è in grado di pungere ripetutamente.

Il più delle volte vespe puntura nel caso di azioni negligenti di una persona (un tentativo di uccidere un insetto, movimenti improvvisi).

Allergia Bumblebee

Livello di aggressività: basso.

Pungiglione: la struttura del pungiglione in un calabrone è diversa da quella di un'ape (è frastagliata nelle api, quindi rimane nella ferita, e il calabrone con una puntura liscia può attaccare molte volte).

I calabroni che lavorano (le femmine) hanno una puntura e, contrariamente alla credenza popolare, possono causare considerevoli danni alla salute umana. Un calabrone è meno aggressivo di un'ape o, inoltre, una vespa, ma può pungere. È abbastanza difficile provocare l'aggressione di un calabrone, ma si difenderà se cercherà di distruggere il suo nido o tenterà di ucciderlo.

Se una persona non è allergica a un calabrone, il morso si manifesta con un leggero rossore, dolore e gonfiore locale dei tessuti.

L'allergia al bombo si manifesta:

  • grave arrossamento di una vasta area della pelle,
  • grave prurito,
  • orticaria,
  • gonfiore dei tessuti,
  • nausea,
  • vomito,
  • sintomi di shock anafilattico (caduta della pressione sanguigna, problemi respiratori, confusione).

Allergie ai calabroni

Il calabrone è uno dei maggiori rappresentanti delle vespe. L'habitat della sua distribuzione sono le latitudini moderate. Dipinto, come "vespe normali" - strisce gialle sul corpo nero

Livello di aggressività: basso.

Sting: non rimane nella pelle.

Il calabrone è un insetto noto a molti apicoltori (il danno causato dai calabroni è piuttosto significativo). A volte capita che i calabroni nidificano proprio negli alveari.

I calabroni mangiano non solo il nettare, ma uccidono anche le api, mangiandole parzialmente.

Foto: pungiglione di calabrone

La composizione del veleno è diversa dall'ape:

  • acetilcolina;
  • istamina;
  • fosfolipasi A2;
  • mastoparan;
  • orientotoksin.

Il morso del calabrone è caratterizzato da un forte dolore. Particolarmente pericolosi sono i calabroni asiatici (i loro fratelli europei sono più pacifici).

L'allergia al calabrone si manifesta:

  • grave gonfiore dei tessuti,
  • infiammazione,
  • dal dolore
  • febbre, battito cardiaco e glicemia.

Nei casi gravi, si tratta di angioedema o shock anafilattico.

Sintomi comuni di una reazione normale e allergica

Nonostante le differenze nella composizione chimica, i sintomi generali di una normale risposta del corpo ai morsi di imenotteri sono quasi gli stessi:

  • Dolore bruciante;
  • Circondato da papule gonfiore e arrossamento.

In media, questi sintomi durano da 1 a 5 giorni.

Reazione allergica

Di solito si sviluppa con morsi nelle braccia, collo, viso, lingua. Con i morsi nelle gambe, la reazione del torace si sviluppa molto meno.

Una reazione allergica a una puntura di vespa sul viso di un ragazzo. Prima e dopo la reazione (può essere aumentata)

In base all'estensione dei sintomi, le allergie sono classificate come generali e locali.

La reazione locale è relativamente sicura per la vita, si sviluppa nella zona del morso e si manifesta con edema, prurito e arrossamento dell'intero arto interessato.

Una reazione allergica generale o generalizzata è in pericolo di vita e richiede cure mediche urgenti. Raramente si sviluppano reazioni locali sullo sfondo del comune.

La classificazione dell'allergia generale per gravità delle manifestazioni comprende tre gradi:

  • Primo grado (facile). Si manifesta con orticaria, angioedema (edema delle labbra, lingua, laringe, padiglioni auricolari), bassa pressione sanguigna. L'edema laringeo porta a ipossia o asfissia, che può portare alla morte.
  • Secondo grado (medio). Vomito, diarrea, dolore all'addome, broncospasmo, bassa pressione sanguigna si manifestano ai suddetti sintomi, manifestati da debolezza generale e perdita periodica di coscienza.
  • Terzo grado (difficile). Lo shock anafilattico è una manifestazione di allergia in rapido sviluppo e pericolosa. Nei primi minuti dopo il morso, c'è un forte mal di testa, prurito, diffusione dal sito morso in tutto il corpo, si sviluppa broncospasmo, e presto la persona perde conoscenza. In questo caso, sono possibili convulsioni e urinazione involontaria. Pelle pallida, cianosi, sudore freddo appiccicoso appare sulla pelle, la pressione sanguigna scende al livello di 80/40 mm Hg. Art., Si sviluppa un collasso, il polso non è praticamente rilevabile. La morte si verifica in poche ore o addirittura minuti a causa dell'ipossia degli organi vitali.

Allergia agli insetti

Le principali forme di allergia agli insetti sono:

  • reazioni cutanee locali a punture di insetti;
  • reazioni anafilattiche sistemiche alla puntura;
  • reazioni allergiche respiratorie all'inalazione di insetti e sostanze secrete da loro.

Ci sono reazioni di tipo immediato, che si verificano dopo pochi secondi o minuti e che durano diverse ore o giorni, e reazioni allergiche ritardate che compaiono 1-2 giorni dopo il morso.

Le reazioni tossiche si osservano dopo aver brucato un gran numero di insetti.

Codice ICD-10

Cause di allergie agli insetti

Gli insetti pungenti appartengono agli Imenotteri. Il più delle volte gravi reazioni sistemiche si verificano sui morsi di api e vespe. Le punture di zanzare raramente causano reazioni allergiche pronunciate, perché non iniettano veleno, ma il segreto delle ghiandole salivari, che può causare una reazione allergica locale. Con l'abbondanza di zanzare, moscerini, coleotteri, farfalle in estate, è possibile l'inalazione di piccoli insetti o squame alari, che possono causare allergie respiratorie.

patogenesi

Una reazione insolita a una puntura di insetto può essere mediata da reagenti IgE o IgG2. I principali componenti allergenici del veleno sono la fosfolipasi A2, la ialuronidasi, la melitina, la frazione ad alto peso molecolare con attività della fosfatasi acida e l'allergene C. Inoltre, veleni, saliva di insetti possono contenere istamina, acetilcolina, chinina, altre ammine biogeniche e loro liberatori, enzimi. In questo caso, la reazione è di natura pseudo-allergica.

Sintomi di allergie agli insetti

Grave reazione locale si manifesta con edema grave ed eritema (oltre 10 cm di diametro), persistente per più di 24 ore e contemporaneamente possono comparire altri segni di una reazione allergica immediata: orticaria, angioedema, rossore facciale; nausea, vomito; difficoltà di respirazione causata da gonfiore del rinofaringe, corde vocali, laringe, trachea, broncospasmo; dolore addominale, diarrea; artralgia.

Lo shock anafilattico è la reazione allergica più grave alle punture di insetti. Lo shock anafilattico può svilupparsi quando viene morso a qualsiasi parte del corpo, ma se l'area della testa e del collo è compromessa, la sua probabilità aumenta. Nella maggior parte dei casi, i sintomi dello shock anafilattico compaiono durante i primi 15 minuti, sebbene sia possibile un successivo insorgere della reazione. Il quadro clinico dello shock anafilattico è come descritto di seguito.

Più è dura la reazione primaria al morso, maggiore è la probabilità che si ripresenti.

Entro 7-12 giorni dopo il morso, possono verificarsi reazioni che ricordano la malattia da siero.

Cosa ti infastidisce?

Diagnosi di allergie agli insetti

La diagnosi è di solito basata sull'anamnesi. Il test della pelle viene effettuato con un estratto di veleno d'api e vespe. Forse la determinazione di IgE specifiche in vitro.

Cosa hai bisogno di esaminare?

Chi contattare?

Trattamento di allergia agli insetti

Condurre una terapia sintomatica non specifica. I resti dello stiletto del pungiglione vengono rimossi dalla pelle, compresse locali fredde, pomate antipruriginose e antinfiammatorie, antistaminici, farmaci antinfiammatori non steroidei.

Desensibilizzazione specifica viene effettuata con una rigorosa determinazione delle indicazioni di un allergene o una miscela di diversi veleni. La durata del trattamento è di 3-5 anni.

medicina

Prevenzione delle allergie agli insetti

La prevenzione delle reazioni alle punture di insetti in individui sensibili include le seguenti regole di base:

  • nei mesi estivi uscire con vestiti che coprono il corpo il più possibile, per selezionare colori chiari e tenui dei vestiti;
  • non fare movimenti improvvisi quando appaiono gli insetti;
  • non camminare a piedi nudi (specialmente sull'erba);
  • indossare un cappello;
  • fare attenzione quando si mangia fuori;
  • eliminare l'uso di droghe contenenti propoli.

I genitori dovrebbero essere addestrati a fornire il primo soccorso quando rispondono alle punture di insetti.

Redattore esperto medico

Portnov Alexey Alexandrovich

Istruzione: Università medica nazionale di Kiev. AA Bogomolets, specialità - "Medicina"

Classificazione delle reazioni allergiche secondo l'ICD 10

L'allergia è inclusa nella base della classificazione internazionale delle malattie - un documento che funge da base statistica e base di classificazione per l'assistenza sanitaria nei diversi paesi. Il sistema sviluppato dai medici consente di convertire la formulazione verbale della diagnosi in un codice alfanumerico che fornisce una facile memorizzazione e utilizzo dei dati. Pertanto, una reazione allergica secondo l'ICD è codificata con il numero 10. Il codice include una lettera latina e tre numeri (da A00.0 a Z99.9), che consente di codificare altre 100 categorie a tre cifre in ciascun gruppo. Il gruppo U è riservato per scopi specifici (fissazione di nuove malattie che non possono essere attribuite al sistema di classificazione già esistente).

Tipi di reazioni allergiche e loro codici secondo ICD-10

Nella classificazione 10 della malattia, causata dalla risposta del sistema immunitario, sono suddivisi in diversi gruppi a seconda dei sintomi e delle caratteristiche del corso:

  • dermatite da contatto (L23);
  • orticaria (L50);
  • rinite (J30);
  • dysbacteriosis (K92.8);
  • allergia non specificata (T78).

È importante! È possibile parlare della presenza di allergia solo quando i risultati dei test e di altri metodi di esame escludono malattie che provocano la comparsa di sintomi simili.

Diagnosi corretta: la chiave per combattere con successo la malattia, perché i diversi tipi di allergie spesso richiedono approcci diversi al trattamento e il rispetto di una serie di regole per ridurre al minimo i sintomi spiacevoli e migliorare la qualità della vita.

Dermatite allergica da contatto (L23)

Ad oggi sono noti più di 3.000 allergeni:

  • elementi di origine vegetale;
  • metalli e leghe;
  • composti chimici che costituiscono la gomma;
  • conservanti e aromi;
  • farmaci;
  • altre sostanze presenti in coloranti, prodotti cosmetici, colla, insetticidi, ecc.

La dermatite da contatto si manifesta con arrossamento della pelle, rash localizzato, gonfiore, vesciche e intenso prurito. Come visto nella foto, l'infiammazione della pelle è locale. La gravità delle manifestazioni dipende dalla durata del contatto con l'allergene.

Ci sono dermatiti acute e croniche. La forma acuta è più spesso osservata con un singolo contatto, mentre la cronica può svilupparsi nel tempo se una persona contatta costantemente con un elemento pericoloso per il corpo. L'immagine della dermatite cronica è caratteristica delle persone la cui attività professionale comporta frequenti contatti con composti aggressivi.

Orticaria allergica ICD-10 (L 50)

Le statistiche dell'OMS mostrano che il 90% delle persone ha riscontrato questo problema almeno una volta nella vita. La foto mostra ciò che sembra orticaria allergica mkb 10, risultante dal contatto con gli allergeni.

Secondo la classificazione, questo tipo di allergia si riferisce al gruppo L50 "Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo". Il codice alfanumerico dell'orticaria causato da una reazione allergica è L50.0.

L'orticaria più comune, causata dalla risposta del sistema immunitario a uno specifico stimolo, si verifica all'improvviso, causando sintomi come:

  • vesciche che possono formare sia sulla pelle che sulle mucose e raggiungere un diametro di 10-15 cm;
  • prurito e bruciore;
  • brividi o febbre;
  • dolore addominale e nausea (il vomito è possibile);
  • deterioramento della condizione generale.

L'orticaria acuta, soggetta alla nomina di un trattamento appropriato, passa per 6 settimane (in alcuni casi molto più velocemente). Se le manifestazioni persistono più a lungo, parlano della transizione della malattia alla forma cronica, che può peggiorare significativamente la qualità della vita. L'orticaria cronica è caratterizzata non solo da problemi della pelle, ma anche da disturbi del sonno, un cambiamento nel background emotivo e dallo sviluppo di una serie di problemi psicologici che spesso portano all'isolamento sociale di una persona.

Rinite allergica (J30)

La rinite si verifica spesso quando le mucose entrano in contatto con un determinato tipo di allergene. Il gruppo J30 elenca le seguenti diagnosi:

  • J30.2 - Rinite vasomotoria, che può manifestarsi sullo sfondo della nevrosi vegetativa o sotto l'azione di qualsiasi allergene.
  • J30.1 - Pollinosi (febbre da fieno). Chiamato polline, in grandi quantità presenti nell'aria durante le piante da fiore.
  • J30.2 - Altre riniti stagionali che si verificano in donne incinte e persone che soffrono di allergie agli alberi in fiore in primavera.
  • J30.3 - Altre riniti allergiche che si manifestano come risposta al contatto con vapori di varie sostanze chimiche, preparati medici, profumi o punture di insetti.
  • J30.4 - Rinite allergica, non specificata. Questo codice è usato se tutte le analisi indicano la presenza di allergia, manifestata sotto forma di rinite, ma non c'è una risposta chiara ai campioni.

La malattia è accompagnata da infiammazione della mucosa nasale, che provoca starnuti, naso che cola, gonfiore e difficoltà di respirazione. Nel tempo, questi sintomi possono essere uniti da una tosse, che senza trattamento minaccia di sviluppare l'asma.

Per aiutare a migliorare la condizione dei farmaci di azione generale e locale, il cui complesso è scelto dall'allergologo, tenendo conto della gravità dei sintomi, dell'età del paziente e di altre malattie presenti nella storia.

Dysbacteriosis allergico (K92.8)

La disbacteriosi è una combinazione di sintomi causati da disturbi clinici del tratto gastrointestinale, che si verificano sullo sfondo di cambiamenti nelle proprietà e nella composizione della microflora intestinale o sotto l'influenza di sostanze secrete nel processo vitale di elminti.

Medici e scienziati osservano che la relazione tra allergie e disbiosi è molto forte. Come una violazione del tratto gastrointestinale provoca lo sviluppo di una reazione ai singoli allergeni alimentari, un'allergia che è già presente in una persona può causare uno squilibrio della microflora intestinale.

I sintomi della disbiosi allergica includono:

  • diarrea;
  • costipazione;
  • flatulenza;
  • dolori allo stomaco;
  • manifestazioni cutanee comuni caratteristiche delle allergie alimentari;
  • mancanza di appetito;
  • mal di testa;
  • debolezza generale.

È importante! Poiché questi sintomi sono caratteristici di molti disturbi, tra cui l'avvelenamento acuto e le malattie infettive, è importante cercare il più presto possibile l'aiuto di uno specialista per identificare la causa dei sintomi sopra descritti.

La diarrea è particolarmente pericolosa per i bambini, poiché la disidratazione del corpo in combinazione con l'accumulo di sostanze tossiche può avere gravi conseguenze fino a un risultato letale.

Effetti collaterali non classificati altrove (T78)

Il gruppo T78 include effetti avversi che si verificano durante l'esposizione al corpo di vari allergeni. Le 10 edizioni dell'IBC classificate:

  • 0 - Shock anafilattico sullo sfondo delle allergie alimentari.
  • 1 - Altre reazioni patologiche che si verificano dopo un pasto.
  • 2 - Shock anafilattico, non specificato. La diagnosi viene effettuata se l'allergene che ha causato una risposta immunitaria così forte non è stato identificato.
  • 3 - Angioedema (angioedema).
  • 4 - Allergia, non specificata. Di norma, tale formulazione viene utilizzata fino a quando non sono stati prelevati i campioni necessari e l'allergene non è stato identificato.
  • 8 - Altro non classificato in condizioni avverse ICD di natura allergica.
  • 9 - Reazioni sfavorevoli, non specificate.

Le condizioni elencate in questo gruppo sono particolarmente pericolose perché possono essere pericolose per la vita.

Allergia agli insetti nei bambini e negli adulti, sintomi, trattamento

A contatto con i prodotti di scarto di vari insetti, si può sviluppare una reazione allergica. In medicina, si riferisce a come insetto.

Spesso, tale allergia si verifica con sintomi piuttosto gravi, che dovrebbero essere eliminati immediatamente al fine di evitare la morte.

L'allergia agli insetti aggrava il verificarsi di alcune malattie associate di natura allergica.

La tempestiva diagnosi della patologia fornirà rapidamente assistenza a una persona ferita da punture di insetti.

Cos'è l'allergia agli insetti?

Allergia agli insetti - una reazione allergica che si verifica negli esseri umani durante il contatto o dopo di loro con gli insetti.

Questa malattia viene spesso confusa con un'allergia alle punture di insetti, ma ci sono delle differenze tra loro.

Si trovano nel fatto che con un'allergia agli insetti, la reazione può iniziare a svilupparsi dopo il contatto con gli insetti, a seguito di particelle del corpo membranoso o di insetti formati durante la loro attività vitale che entrano negli organi respiratori.

La somiglianza è che gravi reazioni allergiche agli insetti si verificano quando gli insetti pungono o pungono.

L'ipersensibilità al veleno di insetti pungenti (api, bombi, vespe) si può trovare in 0,4-85 della popolazione del pianeta.

Il gruppo di rischio comprende gli apicoltori e le persone che vivono vicino agli apiari, la loro percentuale di allergia agli insetti raggiunge il 15-43%.

Con lo sviluppo di una reazione anafilattica al veleno rilasciato da imenotteri, il risultato letale raggiunge l'80%.

Oltre agli insetti pungenti, le allergie agli insetti sono causate da succhia-sangue - insetti, pulci, zanzare.

Ci sono reazioni allergiche agli scarafaggi, agli insetti, che sono usati come cibo per i pesci.

I tonchi di riso e di cereali contengono una sostanza speciale chiamata cantaridina. Il suo contatto con o nel corpo provoca irritazione della pelle, mal di testa, vomito e spesso convulsioni.

I prodotti infetti da una farina nera di crostacei (piccoli) o cereali, causano disturbi acuti allo stomaco e all'intestino. Tali prodotti sono potenzialmente pericolosi anche dopo la rimozione degli insetti.

Nelle case delle persone, nei magazzini con farina e grano, ci sono diverse specie di coleotteri appartenenti alla famiglia dei gusci neri.

Gli scarafaggi stessi e le loro larve danneggiano il cibo, lasciando su di loro le feci. La copertura chitina di questi insetti è piena di allergeni che hanno tratti comuni con gli allergeni delle zecche. A proposito, è possibile allergia agli acari della polvere leggere qui.

Per gli esseri umani, i coleotteri appartenenti al genere Diamphidia locusta, Paederus sono anche velenosi.

Sostanze velenose pericolose sono contenute nel sangue di coccinelle, bambini dal corpo morbido, pellegrini, krasnokrylov, bambine.

Le sostanze tossiche contengono emolinfa di piccoli coleotteri del genere Paederus, famiglia Staphylinidae.

Questi coleotteri vivono lungo le coste di corpi idrici naturali, che consente loro di colpire i pesci catturati.

Anche un insetto, colto nel sistema digestivo umano, provoca un grave avvelenamento.

L'allergia agli insetti è più comune nelle persone con una storia di altri tipi di reazioni allergiche e predisposizione ereditaria.

Il gruppo a rischio, oltre agli apicoltori, comprende i dipendenti delle imprese impegnate nella produzione di seta e nei laboratori entomologici.

L'allergia agli insetti ha il proprio codice nella classificazione internazionale delle malattie.

Il codice ICD 10 per la malattia è "W57. Morso o puntura da parte di insetti non velenosi e altri artropodi non velenosi".

Modi per ottenere allergeni nel corpo

Ci sono diversi modi in cui gli allergeni degli insetti entrano nel corpo:

  • Insieme al veleno al momento della puntura. Questo metodo di penetrazione degli allergeni è caratteristico degli effetti degli imenotteri.
  • Insieme alla saliva che cade sotto la pelle quando l'insetto morde dall'ordine Diptera (Ditteri).
  • Contatto o metodo di inalazione. Gli allergeni sono contenuti su squame o polvere dal corpo degli insetti. Molto spesso, questo metodo di penetrazione avviene attraverso il contatto con lepidotteri e caddisfetti. Inalazione allergia agli insetti a volte si verifica a imenotteri, il cosiddetto asma bronchiale in apicoltori appartiene a questo tipo di reazione.

Continua a leggere: Come è l'asma allergica, le cause, i metodi di trattamento della malattia.

Tipi di reazioni allergiche a Hymenoptera Sting

Quando si pungono Imenotteri si possono sviluppare reazioni tossiche o allergiche.

Queste due forme di reazione hanno caratteristiche simili e distintive, ma a volte è difficile per uno specialista separarle l'una dall'altra.

Il quadro clinico delle reazioni tossiche.

La reazione tossica nell'uomo si verifica quando le tossine degli insetti entrano nel flusso sanguigno con la saliva.

Principalmente si osservano sintomi locali e la maggior parte delle persone sperimenta morsi di insetti. Questo è gonfiore, arrossamento e dolore nel sito dell'insetto.

Ma se una persona riceve immediatamente più morsi (a volte fino a cinquecento insetti pungenti possono attaccare contemporaneamente), si sviluppa un grave quadro clinico che copre l'intero organismo.

Oltre ai sintomi locali pronunciati, indica un forte danno tossico:

  • Mal di testa e vertigini;
  • brividi;
  • Sindrome emorragica;
  • Convulsioni e paralisi. La paralisi del centro respiratorio è pericolosa;
  • Reazioni anafilattoidi

L'insorgenza di tali sintomi nei bambini è particolarmente pericolosa: minore è il bambino, maggiore è la probabilità di morte.

In caso di avvelenamento da sostanze tossiche gravi, l'assistenza medica deve essere fornita immediatamente.

Il quadro clinico di una reazione allergica.

Le allergie che si verificano quando gli insetti pungono si riferiscono alle reazioni mediate da IgE, quindi tutti i sintomi si manifestano abbastanza rapidamente.

Ci possono essere cambiamenti locali marcati - vari tipi di eruzioni cutanee (nei casi gravi c'è la necrotizzazione dei tessuti colpiti), eritema, gonfiore, prurito.

Tuttavia, la reazione locale con vera allergia agli insetti non è sempre il caso.

Il più delle volte, la persona è determinata ad avere angioedema, rash generalizzato e prurito, orticaria, edema laringeo, trasformandosi in broncospasmo.

La principale causa di morte quando viene punto dagli insetti è lo shock anafilattico che si sviluppa in pochi minuti.

Oltre alle manifestazioni locali e sistemiche di allergia, possono apparire sintomi di intossicazione.

Una reazione allergica può essere tardiva, con effetti sui vasi sanguigni, fegato, reni, sistema nervoso.

Tale reazione a volte procede secondo il tipo di vasculite emorragica o malattia da siero.

Ci sono molte differenze in base alle quali la reazione tossica alla puntura di imenotteri è separata da quella allergica:

  • L'allergia si verifica solo in alcune persone. E il più spesso le persone con una predisposizione a patologia o avere altri tipi di reazioni allergiche sono sensibili a esso.
  • La gravità di una reazione allergica aumenta con ogni nuova puntura.
  • La quantità di veleno nel corpo sul benessere generale con allergie non è influenzata.
  • Nel sangue, durante una reazione allergica, vengono rilevati anticorpi in una persona correlata all'immunoglobulina E. Il titolo anticorpale dipende dalla gravità dell'allergia.
  • Desensibilizzazione specifica per le allergie dà risultati positivi, cioè il corpo umano reagisce meno alle punture di insetti.

Il numero massimo di individui nelle colonie di Imenotteri è osservato alla fine dell'estate. Questo è il motivo per cui in agosto e settembre viene registrato il maggior numero di pazienti con punture e reazioni allergiche.

Classificazione degli imenotteri

Imenotteri, il sottordine che brucia (Aculeata), la famiglia delle api (Apidae) e la famiglia delle vespe pubbliche (Vespidae).

La famiglia Apidae comprende:

  • Api reali sottofamiglia (Apinae). Api di genere - Apis L.
  • Bumblebees sottofamiglia (Bombinae). Genere bombi veri - Bombus Latr.

La famiglia Vespidae comprende:

  • Vespe di carta sottofamiglia - Vespinae. Genere di vespa - Vespula Spine, vespe lunghe - Dolichovespula Rohw, calabroni - Vespa L.
  • Polist della sottofamiglia (Polystinae). Genere polistes - Polistes Latr.

Eziologia e patogenesi

L'apparato urticante degli insetti dall'ordine degli Imenotteri si sviluppò nel processo di evoluzione dal ceppo delle uova.

In uno stato calmo, la puntura è ritratta nell'addome. Caratteristiche distintive rispetto ad altri Hymenoptera ha una puntura d'ape.

Ha da 8 a 10 tacche, sono fissate negli strati sottocutanei di mammiferi e il pungiglione rimane lì.

Insieme alla puntura stessa nel corpo della vittima sono anche le ghiandole velenose, una borsa velenosa e l'ultimo nodo della catena neurale dell'addome.

I muscoli della borsa velenosa si riducono e dopo che la puntura è separata dal corpo del suo proprietario, così il veleno viene rilasciato nel corpo della vittima per un po 'di tempo.

La quantità di veleno rilasciato da strutture pungenti durante la puntura varia da 0,05 a 0,3 mg.

Il veleno di qualsiasi Hymenoptera è una miscela complessa di antigeni. Le frazioni antigeniche nel veleno possono essere da 2 a 21.

L'alta attività allergenica è stabilita nella fosfolipasi A, altrimenti questo antigene è chiamato "un grande allergene del veleno delle api". La ialuronidasi è anche un allergene pericoloso.

Oltre ai due componenti allergenici sopra menzionati, la fosfatasi acida (allergene B), l'allergene C e la mellitina sono secreti nel veleno.

Tutti questi allergeni in una o nell'altra quantità entrano nel corpo umano e, se sono suscettibili alle allergie, causano il suo sviluppo.

L'effetto biologico del veleno di imenotteri nel corpo di un ferito è l'effetto cumulativo, che si sviluppa in risposta a 4 tipi di effetti tossici del veleno.

Questi quattro tipi includono le seguenti reazioni del corpo:

  • emorragica;
  • emolitica;
  • neurotossici;
  • Istamina.

In quasi tutti gli imenotteri, gli effetti tossici sull'organismo dei veleni hanno caratteristiche simili, sebbene siano state identificate diverse differenze.

Il veleno del calabrone provoca una forte reazione locale e un'emolisi pronunciata, ma il suo effetto neurotossico è insignificante.

Dopo essere stato punto dagli insetti della famiglia delle vespe, aumenta il rischio di infezione della ferita, l'infiammazione dopo un morso può svilupparsi dopo poche ore, o dopo 3-5 giorni.

Le reazioni tossiche sono più pronunciate se una persona viene attaccata da un gran numero di insetti pungenti. Casi di una violenta reazione dell'organismo con esito fatale e dopo la puntura di uno o due insetti sono stati registrati.

Un'indagine sugli apicoltori ha permesso di stabilire che il 2% delle persone in questa specialità, che in precedenza non aveva avuto reazioni alla puntura, aumentava la sensibilità al veleno delle api durante l'anno. Allo stesso tempo, si sviluppano orticaria, rinorrea, congiuntivite, broncospasmo.

La base dello sviluppo di questi sintomi è il meccanismo immunologico, a sua volta, appare quando il corpo è sensibilizzato.

La base del meccanismo di sviluppo di allergia durante la puntura è un tipo reaginico di allergia, oppure tipo 1.

La sensibilizzazione deriva dalla presenza nel sangue umano di specifici imenotteri venomici della classe IgE.

Riassumendo tutti i dati sullo sviluppo di allergia durante la puntura, possiamo concludere che:

  • Anticorpi IgE specifici per il veleno si trovano nel siero di persone che hanno una reazione allergica con sintomi comuni o pronunciati. E questi anticorpi compaiono quando il morso è già un imenottero.
  • Non sono stati rilevati anticorpi IgE specifici per il veleno o la loro concentrazione più bassa viene rilevata nelle persone senza predisposizione all'allergia agli imenotteri. Questo vale anche per le persone che sono allergiche ad altri tipi di allergeni.
  • Il livello di anticorpi IgE specifici per il veleno aumenta immediatamente dopo la puntura e diminuisce sullo sfondo di desensibilizzazione specifica.
  • Anticorpi IgE specifici per il veleno si trovano nel siero degli apicoltori. Titoli elevati di anticorpi possono essere in apicoltori il cui corpo è stabile prima di pungere.
  • Anticorpi IgE specifici contro il veleno si trovano in pazienti allergici alla puntura. Il loro titolo aumenta dopo la desensibilizzazione. Gli anticorpi nel sangue di questi pazienti svolgono un ruolo protettivo, cioè bloccano.

Quadro clinico

Il quadro clinico delle allergie che si verificano dopo essere stato punto dagli insetti è molto vario.

La reazione allergica è divisa nel tempo del suo sviluppo dal momento del morso in anticipo e in ritardo.

Prime reazioni allergiche alla puntura.

Riuniscono dal 95% al ​​98% dei casi. I sintomi compaiono immediatamente dopo la puntura o entro un'ora.

Diversi sistemi corporei sono coinvolti simultaneamente nel processo patologico.

Secondo il quadro clinico, queste reazioni si riferiscono allo shock anafilattico, ma con vari gradi di gravità.

Le prime reazioni allergiche sono classificate in tre gradi a seconda della gravità dei sintomi.

  • La reazione del primo grado o facile sul corso di un'allergia generale. La pelle è coinvolta nel processo patologico - il paziente ha un prurito generalizzato e orticaria, nel sito di esposizione dell'edema del sito morso stesso, insieme alla pelle e al tessuto sottocutaneo. Spesso ci sono febbre, sensazione di calore, vampate di calore, aumento della temperatura, aumento dell'eccitazione o, al contrario, letargia, sonnolenza, stato depressivo. Se l'orticaria ha dimensioni gigantesche, allora una grande quantità di plasma viene rilasciata dal sangue, che può portare a ipotensione e vertigini.
  • Reazione di secondo grado o allergia generale di moderata gravità. Il primo è uno spasmo di muscoli lisci localizzati negli organi interni. Questo si manifesta con broncospasmo, spasmi degli organi digestivi, nelle donne l'utero è coinvolto nel processo. Inoltre caratterizzato da edema sieroso dello strato mucoso degli organi respiratori e digestivi. I sintomi che si verificano durante la reazione del primo tipo, ma sono espressi leggermente. Il paziente è più preoccupato per mal di testa, debolezza, tachicardia, aritmia o bradicardia. Appare uno stato collasso, manifestato da una grave debolezza, una caduta della pressione sanguigna, un oscuramento negli occhi.
  • La reazione del terzo grado è la più grave, è lo shock anafilattico. I sintomi dell'insufficienza vascolare acuta - danno ischemico al cuore, sistema nervoso centrale, broncospasmo, spasmi dell'utero e organi gastrointestinali vengono alla ribalta. Sulla parte della pelle, i cambiamenti non sono sempre e se lo sono, compaiono solo dopo la fase acuta. Il verificarsi di shock anafilattico sullo sfondo delle patologie cardiovascolari è caratterizzato da un decorso sfavorevole.

Trasferito dopo l'allergia al pungiglione provoca spesso esacerbazione di asma bronchiale esistente o orticaria cronica.

Ci sono solo il 2-5% delle persone con una predisposizione che hanno subito una puntura. Si sviluppano in 6-12 ore.

Manifestata da vasculite generalizzata con danni ai vasi sanguigni, pelle, fegato, reni. Possibile danno al sistema nervoso - mielite, neurite, polineurite.

In base al tempo di sviluppo e ai sintomi clinici, le reazioni tardive sono attribuite al tipo III e in parte alle reazioni allergiche di tipo IV.

La sintomatologia delle allergie tardive dipende dalla localizzazione dei cambiamenti patologici nell'organo bersaglio.

La diagnosi

Se ci sono prove che la vittima fosse allergica alla puntura, allora la diagnosi non è difficile da esporre immediatamente.

Alla prima apparizione di una reazione insolita, è necessario raccogliere anamnesi allergica, stabilire tutti i sintomi e condurre una serie di test e test.

Quando si raccoglie la storia, si può prestare attenzione al fatto che al primo attacco il paziente non ha presentato reclami particolari sul deterioramento generale della salute. La gravità della reazione aumentava con ogni nuovo episodio del morso.

I test cutanei per stabilire il tipo di allergene vengono effettuati non prima di un mese dopo l'interruzione della reazione acuta.

È severamente proibito condurre una puntura provocatoria da un'ape, poiché ciò può essere mortale per una persona.

La diagnostica per le allergie agli insetti viene eseguita con:

  • Reazione tossica Si distingue per una forte severità dei sintomi con la puntura simultanea di oltre cento individui. Alcuni cambiamenti si trovano nel sangue, indicando effetti emolitici ed emorragici dal veleno. Con danni tossici possono essere convulsioni, ipersalivazione, areflessia, delirio.
  • Con insufficienza cardiovascolare, epilessia, gravidanza ectopica nelle donne, ictus di sole e calore in bambini e adulti. A volte una persona perde conoscenza prima di avere il tempo di riferire che è stato punto da un insetto e in questi casi è necessario diagnosticare con queste malattie, in quanto hanno alcuni segni simili.

È difficile impostare la diagnosi corretta per le reazioni allergiche tardive. Soprattutto, se procedono con sintomi insoliti per un'allergia.

Trattamento di una reazione allergica a pungere di Hymenoptera

Se si verificano allergie agli insetti, è necessario fornire aiuto anche prima dell'arrivo dello staff medico. Se l'ape ha fatto un morso, è necessario rimuovere il pungiglione il prima possibile.

Il sacchetto velenoso del pungiglione viene svuotato per altri 2-3 minuti dopo che questo organo rimane nel corpo umano.

Rimuovere la puntura con un ago appuntito, ma in modo da non danneggiare l'intero apparato mordente.

È possibile ridurre lo sviluppo di sintomi locali di allergie. Le attività dovrebbero mirare a ridurre la permeabilità dei vasi sanguigni, per questo:

  • Sopra il morso, viene applicato un laccio emostatico. Se il laccio emostatico viene applicato correttamente, blocca la diffusione del veleno attraverso il corpo.
  • Freddo al punto di pungere. Applicando un impacco freddo, un prodotto congelato provoca uno spasmo dei vasi superficiali, che ritarda anche l'assorbimento del veleno.
  • Antistaminici prescritti È necessario usare non solo i rimedi del sistema, ma anche gli unguenti glucocorticoidi - Lokakorten, Flutsinar.
  • Le bolle nel sito del pungiglione in condizioni asettiche vengono aperte e trattate usando una soluzione di permanganato di potassio.
  • Per il dolore grave, vengono selezionati analgesici.
  • Se i linfonodi sono coinvolti nel processo patologico e la temperatura corporea aumenta, allora la somministrazione di corticosteroidi viene prescritta per alcuni giorni.
  • Al paziente viene prescritto un abbondante consumo di alcol e si raccomanda di dormire a letto.

Con lo sviluppo di shock anafilattico dopo l'assistenza di emergenza con l'uso di medicinali, viene effettuato un ulteriore trattamento in ospedale.

Il paziente, dopo che il processo acuto è stato interrotto, viene osservato per circa una settimana, durante il quale possono insorgere complicanze o si può sviluppare una reazione allergica tardiva aggiuntiva.

Le reazioni allergiche tardive sono principalmente trattate con corticosteroidi.

Con un'allergia accertata alle api da pungere per i pazienti, propongono di osservare le misure preventive:

  • Nella stagione estiva, gli insetticidi aerosol dovrebbero essere tenuti in casa. Se si verifica un insetto, spruzzare immediatamente il prodotto.
  • Uscire con gli abiti che coprono il più possibile il corpo. È meglio scegliere tonalità chiare dei tessuti, poiché i toni scuri e luminosi attraggono di più gli imenotteri.
  • Se un insetto è apparso nelle vicinanze, non è necessario agitare le braccia e fare movimenti bruschi.
  • A piedi nudi non si può camminare sull'erba, specialmente dove cresce il trifoglio. L'odore di questa pianta attrae bombi e api.
  • Non utilizzare nella vita di tutti i giorni o per il trattamento di eventuali malattie propoli, contiene un antigene che provoca allergie.

Allergia ai morsi di insetti succhiasangue

Gli insetti succhiatori di sangue sono divisi in diversi gruppi.

Distacco - Ditteri (Ditteri).

Dittero dalla testa lunga sottotono (Nematocera):

  • Famiglia di vere zanzare (Culicidae). Genere - Anopheles, Aedes, Culex.
  • Famiglia di zanzare dergun, campane (Chironomidae); moscerini mordaci (Ceratopogonidae); moscerini (Simuliidae); farfalle (Psychodidae). Zanzare di genere (Phlebotomus).

Sottordine foderato (Brachycera-orthorrhapha):

  • Famiglia di tafani (tabanidae).

Ordine: Hemiptera (emiptera o cimici). Distacco: Siphonaptera (pulci). Distacco: Anoplura (pidocchio).

Convenzionalmente, il termine "moscerini" comune tra la popolazione comprende 5 famiglie di insetti che succhiano moscerini sanguinolenti, vere zanzare, moscerini, tafani e zanzare.

Conduzione di stile di vita predatore, cioè, bevono sangue, solo femmine. I maschi sono necessari per la produzione di prole.

Gli insetti dall'ordine Diptera possono essere portatori di infezioni.

Le zanzare portano patogeni di febbre gialla, malaria, encefalite giapponese, encefalomielite.

Il Mokretsy trasporta patogeni dell'encefalite giapponese e dell'encefalomielite equina.

Le mosche nere possono essere una fonte di antrace, morva, piaga e tularemia.

Le zanzare portano la leishmaniosi dermica e viscerale, la pappatachi. Diventa cieco per l'antrace e la poliomielite.

Gli insetti succhiatori di sangue sono sparsi in tutto il mondo. Vivono non solo nelle aree naturali, ma anche nelle grandi città.

Eziologia e patogenesi

Nella saliva dei parassiti succhiatori di sangue contengono sostanze tossiche, anticoagulanti e anestetiche.

Dopo essere stati morsi in un'area ferita, prurito e dolore si verificano in pochi minuti.

Se prendi una biopsia della pelle entro 12 minuti e fino a due giorni dopo che l'insetto morde una persona, puoi determinare una risposta infiammatoria mediante esame istologico.

Procede in tre fasi. L'infiltrazione dei leucociti avviene inizialmente, viene sostituita da un accumulo di istiociti, quindi aumenta il numero di linfociti.

La saliva di alcune specie di moscerini è particolarmente tossica.

Le persone hanno una diversa sensibilità al mordere succhiasangue. La popolazione locale di solito ha la minore suscettibilità, mentre i nuovi arrivati ​​possono sperimentare gravi allergie agli insetti dopo aver morso.

L'alta gravità dei sintomi è caratteristica dei bambini. Entro la fine della stagione, di norma, la sostenibilità aumenta.

Le manifestazioni atipiche dei sintomi del morso sono registrate. Questa potrebbe essere una gigantesca infiltrazione della parte morsa del corpo, che dura fino a 4 settimane.

Manifestazioni sistemiche marcate, attacchi di dispnea.

È stato accertato che l'attività allergenica è già presente nei tessuti delle pupe formate da insetti. In una zanzara adulta, l'attività allergenica è più alta nelle ghiandole salivari, meno nel petto e nella testa.

Quando un insetto viene morso da un gruppo di pulci, cimici e pidocchi, le reazioni allergiche di solito si sviluppano a livello locale e procedono lungo il tipo orticario ed eritematoso.

Quadro clinico

Nel quadro clinico dell'allergia agli insetti ai morsi di insetti succhiatori di sangue, in contrasto con la reazione alla puntura, prevalgono i sintomi locali.

La natura delle manifestazioni locali è vicina al tipo ritardato o immunocomplesso.

Esiste un certo modello nello sviluppo dei cambiamenti della pelle, a seconda del tipo di insetto morso.

Se una persona viene morsa da una zanzara, allora con lo sviluppo di un'allergia un'eruzione papulare, meno spesso vescicolare.

C'è un decorso recidivo, cioè periodi di irritazione e scomparsa delle eruzioni cutanee, che possono durare fino a 2 mesi.

Se il moscerino viene morso, la reazione locale può manifestarsi come tre tipi di eruzione cutanea:

  • Reazione eritematosa acuta Sembra erisipela, ma non c'è febbre.
  • Eruzione vescicolare-bollosa.
  • Necrotiche con il passaggio alla formazione di tessuto cicatriziale.

Dopo i morsi dei parassiti succhiatori di sangue, solo una piccola parte di persone sviluppa reazioni generali.

Procedono relativamente facilmente, di solito il paziente lamenta mal di testa, nausea, debolezza, feci alterate, febbre e broncospasmo.

La diagnosi

La diagnosi di reazioni insettivanti localmente è difficile, poiché le reazioni tossiche hanno sintomi simili.

Dati di anamnesi di allergia (se c'erano precedenti reazioni ai morsi e se la terapia antiallergica aiutava con questo), i sintomi delle lesioni cutanee sono presi in considerazione.

Test cutanei condotti usando allergeni da moscerini, zanzare, zanzare.

I test intradermici vengono effettuati in centri speciali. Soluzione d'allergene concentrata usata - da 10

I cambiamenti della pelle vengono valutati dopo 20 minuti, quindi dopo 6 ore e dopo 24 ore.

Se la reazione è comparsa dopo 20 minuti, si riferisce al tipo immediato, dopo 6-12 ore dall'immunocomplesso, dopo un giorno al tipo ritardato.

Trattamento di una reazione allergica a pungere di Hymenoptera

Assegnato a terapia complessa, include:

  • L'uso di farmaci necessari per il sollievo di reazioni acute. Molto spesso sono le compresse di antistaminico di terza-quarta generazione.
  • L'uso di unguenti con proprietà antinfiammatorie e antistaminiche.
  • Nella reazione di tipo ritardato, calcio e rutina vengono aggiunti al trattamento per ridurre la permeabilità della parete vascolare. Possibile terapia con glucocorticoidi.
  • Con lo sviluppo della reazione generale, è necessario usare non solo antistaminici, ma a volte anche farmaci per rimuovere il broncospasmo. In uno stato di shock, viene iniettata adrenalina. Il dosaggio del farmaco dipende dalla gravità dell'allergia agli insetti.

Il medico sceglie lo schema di trattamento per il paziente, tenendo conto dei sintomi della reazione e dell'età del paziente.

In futuro, il paziente viene offerto prima della stagione della comparsa di insetti pungenti che succhiano il sangue per eseguire la desensibilizzazione utilizzando gli allergeni degli insetti, il nome moderno della terapia ASIT.

Il corso è prescritto da dicembre a maggio, le iniezioni vengono effettuate due volte a settimana. La desensibilizzazione specifica riduce la suscettibilità del corpo agli allergeni degli insetti in oltre il 90% dei casi.

L'allergia agli insetti può verificarsi a qualsiasi età. Questo tipo di reazione si manifesta spesso molto duramente e quando compaiono i primi sintomi di disturbo, dovresti contattare il tuo medico il prima possibile e ricevere un trattamento appropriato.